Nacquero con scopi nobilssimi, legati alla pulizia delle mani dei commensali a tavola, dopo averle impiegate a mo’ di posate per gustare appieno il cosciotto di agnello arrostito, il pollo al forno o più innocui, ma sempre unti, spiedini di pesce. Le gentili padrone di casa si dilettavano nel presentarle nelle forme più disparate: quando in sembianze di vaschette, guarnite in oro zecchino o decorate con motivi floreali, appoggiate su candidi centrini fatti a mano per l’uso stabilito. Oppure sottoforma di tazze lineari, con solo qualche fregio ornamentale sporgente. Nell’acqua tiepida venivano poi immessi, per profumare e ingentilire l’insieme, petali di rosa o, nelle case più plebee, spicchi di limone. Al termine dell’intingimento delle dita, panni di lino aiutavano a completare l’opera, asciugando le mani in maniera efficace e morbida. Un ambiente così paradisiaco non poteva continuare a lungo ed infatti, la moda delle coppette iniziò a vacillare quando ignari buontemponi, non usi a modi tanto fini, iniziarono a scambiarle per digestivi di fine pasto, o moderne versioni di “intermezzo”, dove il sorbetto veniva sostituito da bevande calde. Superato il comprensibile shock, la reazione fu quella di meglio identificare l’uso da fare, ma l’unione con i pannicelli caldi,  di morbida spugna, ingenerò ulteriori malintesi, costringendo le tapine ospiti a rinunciare, seppur a malincuore, a cotanta gentilezza. Si aprì così la strada all’avvento della salvietta umidificata dai profumi indefinibili..

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti

  1. Certo che per arrivare a scambiare l’intruglio di acqua e limone con sorbetti e digestivi bisogna aver esagerato un po’ con il vino… ma ormai non mi stupisco più di niente!! a volte però rimango più perplessa davanti a certe salviette, che come dici te non solo hanno profumi indefinibili, ma puzzano proprio tanto!! fosse mica meglio il cicchetto al limone?? Grande Leo!! Vale

  2. I dieci oggetti più inutili per la cucina (e anche i più brutti) | I primi dieci - tutto il mondo è classifica ha detto:

    […] le coppette lavadita Che capolavori del trash! Ma avete visto che assurdità? Cliccate sui nomi come al solito per vedere… noi di oggetti inutili a casa ne abbiamo a decine, però spiegateci chi ha permesso a questi geni di brevettare tali inutilità. Già non capiamo a cosa serve il cestino della spazzatura (si potrebbe tenere la finestra aperta e buttare tutto fuori), i bicchieri (beviamo tutti dalla bottiglia), e le pattine… figuariamoci il separa uovo o il topo-case. Noi della redazione vogliamo brevettare qualche oggetto. Il campanello della porta con la suoneria personalizzata (per mettere la voce del gatto Virgola ogni volta che qualcuno suona) e il frigorigero con serratura ad ore (si chiude automaticamente la notte e ti fa evitare gli spuntini notturni)… apporterebbero grandi rivoluzioni alla società. Menzione speciale per i sottobicchieri, la bistecchiera che al posto delle scanalature ha le scritte “I love you”, che a cottura ultimata saranno impresse a fuoco su tutta la carne, l’affetta avocado,il decora rapanelli e la frusta triangolare (perché?) Pubblicata in Curiosità 0 commenti Tags , 2009, appartamento, archimede, banana, biccheire, bicchieri, bottiglia, brevetto, brutto, campanello, Casa, Classifica, cosa, cose, dieci, frigorifero, internet, inutili, invenzioni, italia, libro, mela, mollo, mouse, mozilla, niente, nulla, nullità, oggetti, oggetto, pc, piatto, Polemica, problema, soluzione, spazzatura, tavola, topo, trash, uovo, viaggio, wc […]