Più di un matrimonio è terminato a causa di questo stupido pezzetto di legno. La maestria del marito nel lavoro di scalzo ha causato più di una lite tra le mura familiari, acuita tutte le volte che tale operazione veniva fatta nella sala del ristorante. Oggi che gli stuzzicadenti si trovano nel bagno, non si assiste più a quelle scene nelle quali alcuni  volenterosi artigiani della pulizia, terminata la mangiata della bistecca, si infilzavano in bocca questi oggetti(taciamo per carità di patria di chi utilizzava direttamente i rebbi della forchetta!) per poi osservare con aria compiaciuta il risultato di tale operazione! Nemmeno nei buffet risultano più così simpatici, infilzati sbadatamente nei tramezzini o per infilzare le olive.. a quando la duratura scomparsa?

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

12 Commenti

  1. mamma mia Leo,
    ma di tutti gli argomenti proprio degli stuzzicadenti dovevi parlare??
    mi associo a Marco nel metterli nella categoria dell’orrido……
    mi ricordano un personaggio (stendiamo un velo pietoso) quando ero piccola, il quale, a fine pasto teneva lo stuzzicadenti in bocca, laterale… brr. ..da brividi!!!

  2. lo stuzzicadenti a lato della bocca, lentamente biascicato, era il marchio di fabbrica di Pacciani …nome che ai fiorentini evoca orribili ricordi…

  3. si va bene ma parliamo pure di qualli che pur avendo una bistecca di brontosauro tra i denti non usano lo tuzzicadenti e iniziano a fare i risucchi tra i denti e iniziano a fare delle smorfie che sembrano avere degii spasmi incontrollati e la faccia di gomma per riuscire a passare la linqua dovunque!!!

  4. Oh my God!
    Quanto detesto lo stecchino degli orrori! Mia madre mi ha insegnato a odiarlo fin da bambina e a dividere le persone in due categorie: chi li usa e chi no: ovviamente stare alla larga dai primi. Mi ricordo che le dava così fastidio l’idea dello stuzzicadenti che in casa nostra non è mai comparso nemmeno per tenere chiusi gli involtini (ora che ci penso… come li chiudeva?)

    ciao eleonora

  5. Concordo con voi, signorine! Da contadino dico che è ridicolo l’uso dello stuzzicadenti quando molto più naturale ed economico è l’uso del mignolo.
    Buonappetito a tutti.

  6. Quoto in pieno Corsaro…ed e’ per questo che da generazioni nella mia famiglia si trasmettono di padre in figlio i consigli per far crescere sana,forte, lunga, e affilata la famigerata unghia del mignolo destro!!!
    Usata come tagliacarte, come coltellino per il burro, come stuzzicadente, come taglierino, cone cucchiaino per lo zucchero non che’ come spatola per la pulizia delle orecchie!!

  7. …cara Signorina….tralassciando il fatto che credo sia pacifico che le nostre fossero digressioni scherzose il suo intervento lo trovo alquanto offensivo…prima di crucciarsi per la malasorte capitata alla mia dolce consorte nell’aver sposato un “becero” come il sottoscritto (quale mi reputa lei) le consiglierei amichevolmente di preoccuparsi del’eventuale malasorte capitata a suo marito nell’aver sposato lei! Perdoni quessta mia esternazione ma,senza rancore, i giudizi sommari tirati giu’ come colpi di mannaia in quasto modo non mi sono mai andati a genio!

  8. va beh esco allo scoperto… io lo uso ebbene si!
    Con discrezione, magari nel bagno…ma signori a voi nn capita mai che vi si fermi il cibo in lì in mezzo?
    A me succede e forse proprio perchè faccio una maniacale pulizia col filo interdentale (purtroppo lo stecchino danneggia anche i denti)ma in certi casi è l’unica soluzione per un fastidio grosso.