La versione ideale è in bianco, per apprezzare meglio la sinuosa untuosità dello spaghetto. Le vongole, non per forza veraci, agiscono da insaporitrici, e devono essere succhiate con voluttà, magari imboccando il partner, che limiterà rumori molesti onde disturbare la magica atmosfera. Lo spaghetto deve essere mangiato rigorosamente con le mani, che si ungeranno e, per questo, potranno essere nettate con piccoli ma precisi colpi di lingua. Non disturberanno il peperoncino e il prezzemolo, che daranno freschezza e piccante, onde stimolare a dovere i sensi tutt’altro che appagati. E poi…insomma, il finale immaginatelo da soli!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 Commenti

  1. Per un attimo ho creduto di avere sbagliato sito! Il finale? “farsene” un altro piatto, perchè la notte è ancora giovane.

  2. VIVA LI PAPARAZZ!!!!! Ragazzi in tutta onesta…gli spaghetti nghe li ciucculitte non li batte nessuno…ma che scocciatura trovarle…!!!