Ingredienti per 6 persone: 1 pollo di medie dimensioni, una cipolla bianca, 6 chiodi di garofano, sale grosso, 2 carote, 2 costole di sedano, gambi di prezzemolo, 5 cl di cognac, 3 pistilli di zafferano, 1 cervello di agnello, 3 fagioli(testicoli di pollo), 70 g di burro, 70 g di farina, 1 dl di crema di latte, 6 fette di pane, cannella in polvere.

Tempo di preparazione 30 minuti
Tempo di cottura 1 ora(compresa la lessatura del pollo)

Mettere a bollire il pollo in acqua fredda, unendo le carote sbucciate, il sedano pulito e lavato e le cipolle picchiettate con i chiodi di garofano. Aggiungere  il sale grosso, i gambi di prezzemolo e far cuocere a fuoco moderato, schiumando in superficie onde togliere tutte le impurità. Una volta cotto, togliere il pollo e disossarlo. Tenere il petto da parte e passare il resto della carne al passavedure a fori piccoli. Filtrare il brodo ottenuto, passandolo al colino con un tovagliolo per renderlo completamente limpido, aggiungere il cognac e lo zafferano, sciolto nella crema di latte fatta bollire sul fuoco. Tagliare a cubetti il pane e tostarlo in forno. Far sciogliere il burro in una casseruola, versare la farina e formare un composto omogeneo. Unire il brodo e formare una crema senza grumi. Passarla al colino ed aggiungere il pollo macinato, far bollire qualche minuto aggiustando di sapore con sale e cannella. Intanto lessare il cervello e i fagioli del pollo e tagliarli a cubetti. Servire con il petto del pollo tagliato a filetti sottili,  il cervello, i fagioli e i crostini di pane a parte.

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 Commenti

  1. mi pare eccezionale…adoro le vellutate e impazzisco per lo zafferano. magari per renderla meno “impegnativa” eviterò di completarla con le frattaglie (se l’autore non si offende). immagino che venga buona lo stesso.
    auguri a Leonardo e a tutti i lettori

  2. complimenti, una ricetta per pochi ma golosi estimatori. le frattaglie danno sicuramente un tocco “divino”…
    tanti auguri di buone feste e complimenti per il blog interessantissimo 🙂

  3. l’avevo detto e l’ho fatto! sperimentata la ricetta, con qualche “aggiustamento” da cuoca che arriva a casa la sera tardi e senza frattaglie di accompagnamento. risultato: strepitosa, come immaginavo! e m’è avanzato sia del pollo lesso con cui farò un’insalata sia del brodo che metterò in un risotto delicato. oppure metto anche il pollo nel risotto?? con gli asparagi?
    un parere degli chef che girano per qui????