Qui si apre una discussione di quelle che potrebbe dividere le famiglie sulla porta di casa, prima del cenone di Natale: ci va la maionese con il bollito? E soprattutto come la si fa? Facile, direte voi: tuorli d’uovo, olio, sale, limone, ma già sugli ingredienti parte la prima diatriba. La ricetta classica prevede anche un piccolo goccio di senape ed olio di semi. In Italia, l’olio può extravergine di oliva se del Garda, ligure o siciliano, quindi dolce e chiaro. Ci si aggiunge il limone quando i tuorli hanno assorbito la maggior parte dell’olio: secondo i canoni ufficiali, ci sta bene anche dell’aceto riscaldato. Per farla leggera utilizzando il robot, si possono usare anche uova intere. E se impazzisce? si butta e si ricomincia! Buon Natale a tutti voi, auguro, gastronomicamente parlando, grandi bottiglie(anche di dimensioni) e pietanze da ricordare!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

6 Commenti

  1. grazie Leo, ricambio di cuore l’augurio…che è quello che ho apprazzato di più finora!!!

    p.s. la maionese la metto solo sui cibi freddi!!!!

  2. A casa nostra niente maionese: col bollito obbligo di Salsa verde.

    Buon Natale anche a lei Professore e a tutti gli amici di Quinto Quarto.

    Luciano.

  3. in casa Burde la maionese e rispettiva insalata russa per natale l’ha sempre mio zio Giuliano ed è l’unica cosa che cucina in 365 giorni, adesso quasi quasi gli dico che vorresti insegnarli a fare la maionese così la prossima volta che ti vede altro che Unità!!! 😉
    auguri leo che il prossimo anno ne vedremo delle belle, insieme e non!

  4. la maionese!!! io la faccio con le uova poi a gocce ci metto il limone e ci giro intorno per montarla…montarla..!! la maionese quindi è erotica
    ….comunque dopo il cenone na pisciatella na salve regina e ce ne annamo a letto buone feste

  5. in Piemonte MAI.
    Bagnet Vert, Bagnet Russ, e da me nel profondo SudEst la MOSTARDA (quella forte, di Voghera o di Acqui)
    La maionese si usa tradizionalmente nella cucina delle famiglie solo come copertura dell’insalata russa, o per complemento della salsa tonnata per il vitello.

    Ciao Leonardo, Auguri!