Con la formula di rito e cioè ricevo e volentieri pubblico

TIRA FUORI LA “MARIETTA” CHE E’ IN TE

Sono aperte le iscrizioni alla 12° edizione del Premio Marietta, il concorso intitolato alla governante di Pellegrino Artusi e riservato ai cuochi per passione promosso dal Comune di Forlimpopoli in collaborazione con Casa Artusi, il primo entro dedicato alla cucina domestica e all’Associazione delle Mariette.  Le finali si svolgeranno nel corso della Festa Artusiana a Forlimpopoli (FC) il 21 giugno 2008

Tira fuori la Marietta che è in te. Basta un pizzico di fantasia, di voglia di stupire ai fornelli ed il gioco è fatto. Sono aperte le iscrizioni al Premio Marietta, il concorso nazionale intitolato alla fedele governante e cuoca di Pellegrino Artusi, riservato ai cuochi per passione.
Il concorso, che negli anni scorsi ha registrato la partecipazione sempre più numerosa di cuochi dilettanti da tutta Italia, vivrà la sua fase finale durante la Festa Artusiana che si svolgerà il 21 giugno 2008 a Forlimpopoli (provincia di Forlì-Cesena), patria di Artusi e sede di Casa Artusi, il tempio della gastronomia domestica, inaugurata nel giugno 2007. Con il Premio Marietta la città di Forlimpopoli rende omaggio a tutte “le Mariette” di oggi, coloro che, nella vita di ogni giorno, esercitano con amore e abilità “La scienza in cucina e l’arte di mangiare bene”, come raccomandato nel celebre manuale di cucina artusiano.
Per partecipare al concorso occorre inviare una o due ricette originali di un primo piatto a base di pasta secca o fresca, eseguibile in un tempo massimo di due ore. Requisito indispensabile la presenza di riferimenti alla cucina regionale, alla filosofia e all’opera di Pellegrino Artusi, tanto negli ingredienti quanto nella tecnica di preparazione e presentazione.

Le ricette devono pervenire al Comune di Forlimpopoli (P.zza Fratti 2, 47034 Forlimpopoli, indicando Premio Marietta) entro le ore 13 di lunedì 9 giugno. All’interno della busta l’autore dovrà indicare le proprie generalità, un numero di telefono (indirizzo di posta elettronica) e l’attività lavorativa che attesti lo status di “dilettante” di eno-gastronomia.
Una giuria di esperti selezionerà, fra tutte le ricette pervenute, le cinque finaliste, i cui autori saranno invitati a cucinare i loro piatti a Forlimpopoli in occasione della Festa Artusiana. Al vincitore del “Marietta” 2008 verrà consegnato il premio di 1.000 euro. Tutti i finalisti riceveranno 5 Kg. di pasta.

Le ricette partecipanti al Premio Marietta gli anni passati hanno saputo stupire la giuria per estro e fantasia, come nel caso del vincitore del Premio Marietta 2007, Antonio Fiori, di origine sarda e impiegato a Bergamo, che ha vinto con i “Cicicones alla Bobbore con ricotta mùstia” (gnocchetti di semola di grano duro conditi con salsiccia sarda affumicata e ricotta tradizionale di latte di pecora), o come il giovane Marietta 2006, Andrea Albertazzi di Bologna, videomaker autodidatta di 33 anni, che ha vinto con i buonissimi “Pici con aglione”, o ancora come la Marietta 2005 Gail O’ Hern Rizzo, di origine americana, che vinse con un’ottima Caponata marinata.

La giuria è composta da esperti e presieduta da Verdiana Gordini, Presidente dell’Associazione delle Mariette che, in nome della cuoca di Artusi, promuove in Casa Artusi  la cultura gastronomica di tradizione.

Copia integrale del regolamento del Premio Marietta è disponibile sul sito: http://www.pellegrinoartusi.it.
Per informazioni: Ufficio Cultura Comune di Forlimpopoli tel. 0543 749234-5-6.

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento

  1. UN OMAGGIO AD ARTUSI….da un lontano ex forlimpopolese.

    Sono il pittore Ernesto Solari, ex Forlimpopolese, che risiede a Como da 30 anni, città dove insegno Arte e Immagine, materia per la quale sono referente nazionale della nuova rivista della scuola media Italiana uscita da alcuni mesi per i tipi della Editrice Gulliver. “Didatticamente Gulliver”. In questa rivista ho presentato una metodologia didattica sviluppata nei miei più recenti anni di insegnamento e dedicata a Leonardo da Vinci di cui sono uno studioso e del quale ho pubblicato già cinque libri. Nell’Istituto comasco dove insegno è stato inaugurato già da nel 2006/07 un percorso didattico e tematico dedicato agli Gnomi, il più grande realizzato da una scuola. Lo scorso anni all’inaugurazione erano presenti fra gli altri i due ideatori del percorso Gnomi di Bagno di Romagna, Ersilia e William col quale ci siamo gemellati. Quest’anno il percorso è cresciuto ed ha visto la nascita di due nuovi itinerari dedicati rispettivamente all’alimentazione e all’acqua. Il primo è stato dedicato al più grande cuoco del Rinascimento Mastro Martino da Como con un riferimento anche al mio grande concittadino Pellegrino Artusi.
    Durante la festa inaugurale è stata effettuata una gara fra MiniCuochi organizzata con la collaborazione di uno Chef Lariano. Una tradizione che si consoliderà nei prossimi anni e che sarà proposta come iniziativa per l’EXPO’ Milanese del 2015 che avrà proprio come temi l’acqua e l’alimentazione.
    All’Artusi ho dedicato in passato alcune pubblicazioni, un libro, un mazzo di carte con le illustrazioni dei suoi piatti più prestigiosi, alcune mostre, e altre iniziative gastronomiche: recentemente ho poi voluto aprire, prima di Casa Artusi a Forlimpopoli, un Museo Virtuale dedicato ad Artusi e a Leonardo (www.museosolari.com) che invito tutti a visitare e che presenta altre iniziative legate a Forlimpopoli, precedenti le ultime edizioni della festa Artusiana.
    Questo gesto non è stato fatto certamente per ottenere consensi o riconoscimenti da parte dei forlimpopolesi ma per tenere alto il nome del mio concittadino e per farlo conoscere ai miei allievi ed a tutti i ragazzi che visiteranno da settembre il Parco degli Gnomi Lariani (…su Wikipedia; o su http://ertino.altervista.org)