Qualche resoconto sul convegno di apertura lo trovate qui nell’album del presidente della provincia di Firenze Matteo Renzi e sul video girato in occasione dell’inaugurazione. Poi martedì c’è stato il pranzo alla Caritas, nel giorno di San Martino, con tre assessori presenti all’iniziativa(qui li vedete insieme anche a Uliano Ragionieri, il presidente della FIETEP Confesercenti). Oggi, pioggia permettendo, inizia il Festival del Cibo da strada e poi sabato e domenica la degustazione dei vini della Rufina alla villa di Poggioreale. Direi quindi che le cose vanno bene, considerando poi che in questo periodo 80 ristoranti propongono piatti della tradizione!!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 Commenti

  1. Se posso permettermi: al pranzo alla caritas, dovevano per forza partecipare assessori e presidenti vari? Non era meglio lasciare spazio a altre persone veramente bisognose?

  2. @roberto
    Tieni conto che il pranzo è stato promosso dal comune e quindi credo sia un dovere istituzionale la presenza degli assessori. A questo aggiungo che rispetto al numero normale dei pasti serviti dalla caritas ne sono stati aggiunti una ventina, e quindi mi sento molto tranquillo sull’iniziativa

  3. Nel merito accetto con piacere la tua risposta. Nel metodo seguito dai singoli, avrei molto da dire. Mi riprometto di farlo a voce, altrimenti mi bruciano la scheda elettorale. 🙂

  4. Sono stata oggi in Largo Annigoni, saltando il consueto pranzo da Rocco dopo la spesa settimanale, per gustare del buon “Cibo da Strada” e…beh….diciamo che mi aspettavo di più, viste le premesse. L’idea era interessante ma l’effettiva presenza, o assenza, di cibo da strada delude un poco le aspettative. Molte le bancarelle che propongono prodotti gastronomici di difficile consumo in strada – vedi formaggi sardi e toscani e pasta tipica, da cuocere a casa – e grandi assenti alcuni toscani – lampredotto o cecina livornese – nazionali – per citarne due, pane e panelle e pane ca’meusa – e stranieri – tipo kebab o samosa indiani.

  5. @irene
    Hai perfettamente ragione, infatti il festival non è come lo avevamo progettato, il temporale di ieri ha messo fuori uso una serie di artigiani che dovevano dare il senso del cibo da strada. Mi scuso con te e con coloro che giustamente avevano un’altra aspettativa. AVremo modo di migliorare l’iniziativa ma per le altre manifestazioni della Biennale sono molto tranquillo!

  6. Torno stamani da una settimana milanese (alla quale ne seguiranno ancora molte per lavoro) ed è un vero peccato non aver potuto partecipare alle molte iniziative in programma: proverò a fare un salto in piazza in questo we, sperando che la salute mi assista…