C’è chi lo apprezza perchè è l’inizio della giornata ideale: rilassati e tranquilli, il bombolone rappresenta una sferzata di energia piacevole e duratura. Sarà perchè l’esterno si presenta rigido e consistente ma, una volta appoggiata la bocca, comincia a cedere ed, al primo morso, conquista, grazie alla crema che fa capolino. Servito caldo o tiepido, rappresenta l’acme del godimento, meno intrigante se mangiato freddo, anche se rilascia sempre le sue brave soddisfazioni. Marmellata, crema di cioccolato o nocciola, le varianti possono essere più o meno apprezzate: da giovani sono sfizi che ci si tolgono di notte, da persone mature, vanno benissimo anche al mattino..

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 Commenti

  1. Caro signor Romanelli,
    ieri sera, dopo aver partecipato al corso tenuto da lei sulle Regioni del Vino, mio marito ed io ci siamo giusto fermati a mangiarci due bomboloni caldi pieni di crema in Via Campo d’Arrigo, dove c’è un laboratorio di pasticceria che vende le paste di notte.

  2. il giovedi notte dopo il solito concertino alla flog tappa d’obbligo in via campo d’arrigo
    mentre il venerdi dopo l’OMI era la volta dei bomboloni del bonaiuti alle Sieci
    ..formidabili quelle notti

  3. Con un titolo così ti tira dentro la buoncostume, altro che querele!!
    Ne ricordo uno di Burde “Maiale e Champage: accoppiata vincente”
    Sempre dei Vostri.

  4. Simone e Zeta, concordo, questo post è altamente equivoco e si presta benissimo a una doppia interpretazione… ma non sarà stata sicuramente l’intenzione di Pierino Romanelli..

  5. buono il bombolone..e allora sorge spontanea un altra domanda: voi come lo preferite ricoperto, con la glassa, con lo zucchero a velo oppure con quello semolato? io adoro la copertura dello zucchero semolato…vuoi mettere il gusto di leccarti le dita poi…altro che qualche famosa patatina tanto pubblicizzata!!!!!!!!!!!

  6. Cornetto o bombolone ancora leggermente (Leggermente !) caldo, magari farcito sul momento… favoloso a notte tarda o al primo baluginare del nuovo giorno.
    🙂

    Stefano.