Ingredienti per 6 persone: 2 spicchi di aglio, una cipolla rossa, 2 dl di olio extravergine di oliva, 500 g di cavolo nero, sale fino, pepe nero, 1l e 1/2 di brodo 150 g di salsiccia fresca, 200 g di lampredotto bollito, 180 g di maccheroni spezzati, un mazzetto di prezzemolo, 120 g di parmigiano.

Tritare finemente l’aglio e la cipolla, e metterli a rosolare in una casseruola con l’olio. Unireil cavolo nero sfilato, lavato, tagliato a striscie,  condire con sale e pepe e farlo stufare a calore  moderato per almeno quindici minuti. Bagnare con il brodo, far alzare il bollore ed unire la salsiccia, sgranandola bene con un mestolo di legno, ed il lampredotto tagliato. aggiungere liquido se occorre e versare la pasta, portando a cottura. Cospargere la minestra con prezzemolo tritato e parmigiano e servire bollente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 Commenti

  1. Direi che un piatto così è molto seducente. Lo accompagnerei con una Bonarda. Tra l’altro, proprio ieri, su [http://mangiaebbina.blog.espresso.repubblica.it/mangiaeabbina/] ho parlato del cavolo ed affini…
    Stefano

  2. Non sapevo che il lampredotto scatenasse le voglie…quando passo per Firenze provo… ad assaggiarlo poi vedo che mi succede
    Il lampredotto quindi sviolina l’emozioni, proprio quelle che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno sbadiglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti all’errore e ai sentimenti.
    Comunque dissento da stefano Buso io ci berrei un chianti giovane
    Hasta!!!!