Meditavo sulla spesa di una schiacciata farcita ed una birra media mangiata in piedi dallo “Scheggi”, locale fiorentino posto vicino allo stadio(ne parlavo qui) ed un pranzo completo per la stessa cifra(anzi, a dire il vero, la schiacciata è costata 6,50!) consumato nei due locali denominati “‘Accasamia”, uno posto in Via Pisana, l’altro in piazza Ghiberti. Ogni giorno, non so per quanto in realtà, un primo, un secondo con contorno, il caffè e mezza minerale costano 6 euro, seduti a tavola in un ristorante vero, con il cameriere che viene a prendere le ordinazioni. Cibo da casa, come i fusili con i pomdori e melanzane, il misto di affettati, il roastbeef con patate. Si mangia ovviamente in tavoli vicini ma non sono le tavolate da mensa, il pesonale riesce ad essere sorridente e attento, anche se la confusione regna sovrana. Dall’altra parte, una panineria che, se non fosse a due passi dallo stadio rimarrebbe dimenticata come una delle tante, niente che lasci il segno in quanto a bontà degli ingredienti utilizzati. Allora, dove sta la ragione? Riuscire a dare da mangiare a 6 euro senza rimetterci e senza far star male nessuno è possibile?

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 Commenti

  1. mah… lavoro in viale dei mille quindi l’esperienza scheggi l’ho fatta più volte, in effetti secondo me è molto buono ma i prezzi sono esosi
    l’accasamia sinceramente m’ha duramente delusa una volta e preferirei pagare qualcosa di più per un buon panino che risparmiare ma avventurarmi all’accasamia
    son troppo dura?

  2. Da ex frequentatore dello Scheggi, non posso che confermare quanto scritto: i prezzi sono diventati veramente eccessivi, certamente non giustificati da quanto offerto. A prescindere da ciò, io dico: finchè il locale è pieno, hanno ragione loro…..

  3. Io ci vado dallo scheggi, pero’ non lo definirei proprio economicissimo anche perche’ le schiacciatine sono buone ma non enormi o riempitissime, e quindi una tira l’altra!

    Sui due “A casa mia” non posso prendere posizione perche’ non ci sono ancora stato a mangiare…

    Per i panini comunque io spezzerei una lancia anche per gli storici fratellini!

  4. Mah!
    mangiare primo, secondo con contorno ecc. a 6 euro la vedo dura, anzi durissima a Firenze. Per lavoro bazzico in zona cure e con 6-7 euro al massimo riesco a mangiare una pizza con bevanda e caffè servito al tavolo (pizzeria zona ponte al pino). Un piatto di lesso o peposo in piazza lo danno a 3 euro ma senza pane e vino.. Dallo scheggi è da mo’ che non ci vado: prezzi alti e altro…

  5. dimenticavo… e’ possibile anche dall’ottimo e simpaticissimo faraone vi san jacopino! deliziosi kebab e falafel, con polpettine di verdura e carne preparata da lui e non con i tristi rotoloni, buonissimo pane sempre fatto sul momento. 3 euro e mezzo il panino, per cui io ci mangio tranquillamente con cinque euro, birra compresa!
    tra l’altro e’ anche comodo perche’ e’ aperto sempre, tutti i giorni dell’anno, dalla mattina fino a mezzanotte 🙂

  6. Lo Scheggi non lo conosco, ma posso dire che mangiare da “casa mia” è davvero un avventura, come diceva qualcuno più sopra…la prima (ed ultima) volta che ci sono stato a pranzo ho digerito la carne per i successivi tre giorni…non ci siamo!

  7. Oggi passando per via pisana, mi sono fermato a pranzare nel locale accasamia.
    non rimpiango solo le 6 euro spesi, ma poi la pasta stracotta,il sugo lo faceva meglio il mio gatto, la carne della pizzaiola dura,mentre la salsa era accettabile.
    Comunque la prossima volta ondrò ” A CASA MIA “