E’ stata dura capirlo, lo confesso, ma alla fine la soluzione è stata trovata. Il percorso di “Striscia la notizia” è stato articolato, si è partiti dalla cucina molecolare, un argomento che interessa pochissime persone in Italia, per farne un tormentone nazionale. Poi si è passati ad attaccare le guide, in primis quella dell’Espresso con il suo curatore Enzo Vizzari, e poi anche la Michelin con Fausto Arrighi. Per il Gambero Rosso è stato distrutto il buon Giancarlo Perrotta, dipinto come un satrapo in giro per tavoli ad assaggiare la pasta altrui. Si è sparato ad alzo zero su Paolo Marchi, della guida “Identità Golose” e la lotta doveva continuare senza pietà: nessun critico doveva rimanere immune da colpa. Finalmente la soluzione: il sogno da bambino di Antonio Ricci era quello di fare il critico gastronomico, nessuno lo ha voluto e questa è la sua vendetta, distruggere i critici, distruggere le guide per calmare l’ansia da prestazione che gli rodeva dentro..d’altronde, era lui quello che considerava il carpaccio con la rucola la quintessenza del mangiar bene..o tempora, o mores!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 Commenti

  1. professore capisco che hanno toccato il suo mestiere e le dico la verità non so la parte della ragione dove sta…le guide sinceramente non le ho mai amate ma a volte ammetto possono essere di aiuto e di riferimento…. ma la battuta su ricci non mi piace….comunque stanno facendo informazione…le è mai venuto il dubbio che qualcosa di vero ci sia? ed aggiungo…striscia non sta facendo solo mera informazione personale….ma vedo che è appoggiata da emeriti chef e patron di ristoranti che non mi pare tanto vicini ad alcuni nomi e guide…ripeto le è mai venuto in mente che qualcosa nel vostro mondo non funzioni? Vorrei sentire dalle vostre bocche una sentenza pacata democratica e obbiettiva sulle guide e sul mondo della gastronomia…comunque le consiglio di farsi intervistare dal ricci per dire la sua…apra un contraddittorio… altrimenti qui parlano solo loro e la gente si convince che la ragione è dalla loro parte

  2. Caro Prof, eppure in TV la vedo sempre elegante e distinto, mi devo complimentare con lei per la sua professionalità e per la sua superba attitudine nel cogliere un gusto o un sapore quando assaggia un piatto, ma qui la vedo diverso.
    Diverso perchè? Perchè non accetta niente e nessuno che sia fuorviante, in disaccordo o lontano dalle sue idee e convinzioni.
    L’intervento sopra il mio, secondo me, rispecchia quello che noi poveri villici, sentiamo e vediamo dal basso dei nostri miseri scranni ma sembra che le sue convinzioni siano superiori anche alla nostra voglia di capirci qualcosa, oppure non dobbiamo capirci qualcosa?
    Di sicuro questo atteggiamento non porta a qualcosa di buono, almeno fino a che non si accetti un contraddittorio e si spieghino a tutti le cose come stanno.
    Dopo aver spiegato a tutti, ognuno per le proprie ragioni, la gente potrà scegliere e essere maggiormente obiettiva ma fino ad ora la gente ha scelto quello che dice Striscia.

  3. Striscia fa il suo mestiere, lancia la pietra e poi qualcosa sarà… Come mai, sulla cucina molecolare non parla più? Forse, come ha detto qualcuno, “l’hanno fatta fuori dal vaso”, sono andati di nascosti nel ristorante di Bottura ma non l’hanno mai intervistato, hanno lasciato dire un sacco di inesattezze ad i vari intervistati senza mai approfondire. E l’intervista fatta a Iaccarino non è mai stata trasmessa (non quella della moglie). Perchè?

  4. @ FDC
    si aspettava una risposta al commento sui giorni di festa!
    Cosa c’entrano gli extracomunitari?
    Spiegami poi cosa c’entra “elegante e distinto?”

  5. @FDC
    Striscia NON accetta il contraddittorio, segue una sua tesi e cerca di sollevare un polverone. Non hanno MAI intervistato un critico o qualcuno che si muovesse a difesa della cucina molecolare. Sarei invece contentissimo di aprire un sano contraddittorio tra veri e falsi critici. Per me parla il mio commercialista, che si diverte da pazzi a passare le mie fatture dei ristoranti!COmunque, FDC, se vuoi proseguire ti firmi, dei giudizi anonimi mi interessa il giusto, io ci metto la faccia tu non mi sembra

  6. posso? si’ che posso.
    Rispondo innanzitutto a fdc (tralasciando i commenti o accuse che dir si voglia contro il prof. Romanelli, al quale non si puo’ proprio obiettare nulla). La risposta dalle guide c’e’ stata e la trovi qui: http://www.lucianopignataro.it/articolo.php?pl=5731
    poi… pensi che non siano stati mandate risposte a striscia? richieste di interventi da parte di chi sa? non per ultimo (basta leggere sul forum di altissimo ceto) tano simonato: chef e patron stellato del ristorante “tano passami l’olio”. Ha inviato una mail a striscia, e’ stato contattato telefonicamente, hanno “tastato” da che parte stava e stabilito che non era dalla loro, non e’ stato piu’ contattato. Idem per altri numerosi chef. Immagino stia capitando la stessa cosa, adesso, per le guide.
    E come dice loris sopra: dov’e’ finita l’intervista a Iaccarino? al suo posto e’ stato mandato un video con un tizio incappucciato (che poteva pure essere il portalettere) che ha iniziato a sputare sentenze sulle guide.

  7. Perchè elegante e distinto lo è per davvero, il Prof. Romanelli, ecco perchè mi sono arrogato il permesso di usare questa definizione.
    FDC sono le iniziali del mio nome, è presente la e-mail come garanzia al nome e al mittente e comunque, tranquilli, non sono in incognito ma solo uno sconosciuto appassionato del settore che non vuole portare via il lavoro a nessuno e nè tantomeno alzare polveroni.
    Aggiungo solo che questo blog è sinonimo di discussione aperta, dove si esprimono delle sensazioni, dei pareri e non si giudica a priori, infatti a ben vedere sono l’unico che la pensa diversamente da voi e mai e poi mai mi permetto di offendere chicchessia. Diciamo che il tema è caldo e che gli animi si accalorano, ecco.
    Leggerò come possibile e con molta attenzione il link indicato da Cinzia.
    Buona discussione a tutti.

  8. @cinzia
    attenzione a dire che l’uomo incappucciato era un falso… striscia non credo che cadi in una banalita simile…dico la verità come ho gia detto…. striscia sta alzando queste temetiche perche qualcuno del settore ha voluto questo e non credo che ricci scivoli su la buccia di banana…continuo a pensare che ci vorrebbe una mediana in tutto questo…molti anni fa anch’io ho lavorato nelle isole di cucina e non posso dire che tutto quello che dichiara la trasmissione è falso ed ipocrita….soltanto è che c’è del buono e del cattivo nelle guide e nella gastronomia…forse l’errore di striscia è quello di stare troppo da una parte e che certe cose vanno pianificate in una sala di discussione non a spot di mezz’ora di trasmissione… striscia i suoi interventi li gestisce cosi e fa mezza informazione di denuncia…su questo gradisco piu reporter
    scusate sono un marmitton inutile inefficace e inesperto non mi querelate ;))

  9. non pensate che i critici visto che ormai il polverone è stato alzato devono adoperasi nel far valere le propie ragioni?visto che non possiamo fare di tutta l’erba un fascio,chi ha fatto semplicemente il suo lavoro dovrebbe limitarsi a raccontare la sua verita e non cercare di screditare STRICIA ,visto che tra l ‘altro mi sembra una guerra persa visto che gli italiani credono piu a Ricci che alla propia mamma. io voglio credere che non sia davvero cosi, ma non è con battute su Ricci che farà cambiare idea agli italiani