Non tutti fanno il critico gastronomico, come professione; non tutti sono abituati a mangiare due volte al giorno al ristorante e quindi, i tre giorni che seguiranno, rappresentano un banco di prova non indifferente per i neofiti della tavola. La domanda è: come sopravvivere a banchetti che si succedono senza soluzione di continuità?Ecco a voi qualche buon consiglio

1) Mangiare, se possibile, una volta al giorno: Non è dietologicamente corretto, ma vi permetterà di dormire la notte!

2) Bere molta acqua durante i pasti. Pensarenno che oramai la prostata non funziona più come prima ma eviterà la famosa “capaccina” del troppo bere

3) Essere d’aiuto in cucina. Alzarsi spesso permetterà di stare poco a tavola, essere serviti per ultimi e dimezzare le porzioni

4) Riscoprire il gusto della camminata. A metà mattina e a metà pomeriggio, pioggia permettendo, una bella passeggiata nel parco aiuterà digestione

5) Assaggiare tutto, per non far arrabbiare mamme e nonne, ma in modica quantità. Offritevi per portar via gli avanzi

6) Saltate i dolci. Sono la botta finale che che rovina la digestione, e che costringe a bere grappe, amari e i superalcolici

Poi mi dite come è andata…

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti