Cibo consolatorio, da mangiare quando abbiamo bisogno di affetto, da accompagnare ad un riso bollito, ad una pasta all’uovo, oppure ad un petto di cappone bollito avanzato…altrimenti da solo con il pane!!

Ingredienti per 6 persone: 400 g di rigaglie di pollo ed altre animali (fegatini, cuori, rognoncini, durelli), 200 g di cipolle rosse, 100 g di sedano, 100 g di carote, 2 spicchi di aglio, 4 foglie di salvia, un rametto di rosmarino, 2 dl di olio extravergine di  oliva, sale fino, pepe nero, 1 dl di Vin santo, 1/2 l di brodo

Pulire e lavare con cura le rigaglie, tagliarle a cubetti e tenerle in disparte. Tritare finemente la cipolla, la carota, il sedano e l’aglio e metterli a rosolare in una casseruola con l’olio di oliva. Aggiungere le rigaglie, la salvia e il rosmarino, far insaporire bene, quindi bagnare con il vin santo. Appena il vino è evaporato, aggiungere il brodo, aggiustare di sapore con sale e pepe e portare a cottura, a fuoco molto basso.

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti

  1. Gentile Leonardo, vorrei sapere una cosa: i durelli vanno necessariamente lavati, prima di essere consumati? Ne comprai una confezione in un grosso e notissimo supermercato di Firenze, di quelle di polistirolo chiuse dalla pellicola trasparente, nel banco frigo delle carni bianche. A lavarli non ci pensai minimamente, li misi in padella e, dopo 10-15 minuti di cottura, uno di loro divenne v-e-r-d-e. Di un bel verde vivace. Il tutto finì con grande malincuore nell’immondizia. Sarà stato perché non li ho lavati? Mi illumini…

    Veronica