Ebbe sì, avete deciso di cimentarvi in un pranzo tradizionale di Natale che vi ricorda il passato, un menu vintage dove volete esprimervi in maniera compiuta, dimostrando quello che sapete fare, prendendovi il tempo di preparare le cose in anticipo. E quindi dopo le tartine con insalata russa, tocca alle tartellette con la mousse di prosciutto , sempre per aperitivo, in modo da lasciarvi poi spazio a tavola. Vi consiglierò solo un altro stuzzichino da aperitivo, questa volta caldo, ma aspettate domani. ALlora andiamo a capire cosa è la mousse, per lasciarvi scegliere la ricetta che preferite, tra le mille presenti nel web: Io vi fornisco consigli per rendere il tutto più facile. Partiamo dalle tartellette: se non avete voglia di fare la pasta brisée, compratela già pronta e stesa, anche se ci vuole veramente poco per farla: 500 g di farina, 200 g di burro, acqua e sale ed è già pronta. Avete gli stampini da tartellette? Ricordatevi che non devono gonfiare quindi procuratevi gli appositi elementi che tengono schiacciata la pasta allo stampo: In mancanza di essi, va bene il vecchio metodo dei fagioli secchi, che toglierete dopo la cottura. Se proprio volete fare una tartelletta più golosa, sul bordo che farete sporgere mettete delle nocciole tritate. Passiamo alla mousse, che poi in italiano sarebbe spuma: avvaletevi del vostro robot, renderà tutto estremamente facile. Il prosciutto cotto deve essere di ottima qualità, privatelo completamente del grasso che tanto lo aggiungerete voi, sia esso butto o panna: L’utilizzo del distillato, quando previsto, deve essere di quelli veri, non succedanei: quindi cognac e non brandy, vero rhum e non quello fantasia, ecc. Piccolo segreto per farla venire bene è rendere il prosciutto una crema fine già prima di unire la panna e il burro. . Aggiustate di sapore, oltre che con il sale, anche con pepe bianco. Una volta che avete messo la mousse sulle tartellette, mettete qualche pistacchio appena tostato. Attenzione a non renderla stucchevole, ma queste piccole aggiunte servono proprio a questo!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento