L’esperienza di cuoco che sto facendo mi ringalluzzisce non poco, mi riporta agli anni del lavoro e anche di quando facevo sport: so che è incredibile per molti pensarlo, ma sono stato marciatore, la specialità faticosa e negletta che tanti allori ha portato alla nostra Italietta sportiva: Facendo da mangiare ad un gruppo di ragazzi che si preparano per il loro campionato di calcio, ho adottato un regime dove si mangia di tutto, ma con pochi grassi. Finito il tempo di riso in bianco e fettina ai ferri, ho preparato di tutto. Meno male che loro non devono fare la famosa dieta che ci imponeva, solo a noi fondisti, tre giorni senza carboidrati e zuccheri in genere e tre giorni nei quali ci abbuffavamo: il motivo era quello di accumulare il glicogeno nel fegato. Una fatica…cosa vorreste mangiare se foste professionisti sportivi?

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti

  1. spero che i tempi di diete così squilibrate (3 giorni a stecchetto e 3 giorni di abbuffamento) siano finiti, perché mi sembrano molto dannose per l’organismo..

  2. tutte cose sane ed equilibrate, senza mai far mancare il gusto. Se uno brucia + di quanto mangia poi, può veramente mangiare di tutto… stando attenti a nn esagerare con il trash food