Dopo aver parlato tanto di vini, torniamo per un attimo ai locali. L’Antico Fattore a Firenze è un ristorante storico, situato a due passi dagli Uffizi, rimasto distrutto dopo la bomba posta all’Accademia dei Georgofili. Essite da tempo il premio letterario che porta lo stesso nome, legato all’azienda Ruffino. Gli arredi sono quelli da trattoria toscana rivalutata, i camerieri sono in divisa con gilet, si respira un’aria un po’dimessa. Poche persone a pranzo: meno male perchè i tavoli sono molto ravvicinati. Il menu è plastificato, anche molto maneggiato e non certo lindo. Quello del giorno farebbe inorrdire un grafico: caratteri e colori diversi per indicare le varie portate. Antipasto toscano senza infamia, crostini poco gustosi: i tortelli di patate hanno la pasta spessa e sono conditi con funghi conservati, poco appetitosi. Secondi poco stimolanti: agnello fritto ricolmo di unto, veramente poco sopportabile. Involtini insapori con carciofi , senza grande potenza. Con il vino della casa sono sui 35 euro per due portate: insopportabile la voce servizio 12%. Una maniera di assumere calorie inutile!

I commenti sono chiusi