Dialogo tra giornalisti del vino di questi tempi: “Come va, che fai, sei al Vinitaly?” “Sì, ma guarda, una fatica, sono già stressato, giornate pienissime!”.” A chi lo dici?Tutte le sere a cena, magari in posti lontani, poi il giorno in fiera, passo da  una degustazione ad un assaggio di prodotti tipici, uno stress.:”Aal che viene in mente che magari gli stressati sono quelli che incontriamo lungo l’autostrada che porta a Verona, che devono rifare l’asfalto, lavorare sotto la pioggia, oppure quelli che sono negli altoforni nella vicina Brescia..Appuntamenti tanti e da non perdere, per oggi mi limito a parlare dei toscani: giovedì, nello stand della Regione Toscana, presentazione del progetto “Winefilm”, ideato da Massimo Mazza, insieme alla Mediateca Regionale. Nello stesso giorno, si fa conoscere Filippo Ferrari, che come giovane produttore di vino, titolare con la famiglia della Fattoria Le Sorgenti, non disdegna di mettere la propria esperienza a favore di altre aziende da conoscere: Tenuta Belvedere, e in provincia di Lucca la Tenuta Lenzini. In serata, alle 17, sempre al padiglione Toscana, gran finale di giornata con la presentazione del vino di Sting, prodotto nella sua tenuta nel comune di Figline Valdarno. Insieme al cantante inglese, è prevista la presenza di Bono, degli U2, e di Ligabue. Il resto alla prossima puntata.

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti

  1. leonardo, perdona una domanda, ma quest’anno, vinitaly non e’ solo per gli addetti ai lavori? (ps. gia’ ti immagino in brodo di giuggiole alla vista di Bono 😎 )