Perdonatemi un piccolo sfogo fuori dalla gastronomia, ma era tanto per spiegarvi cosa vuol dire vivere a Firenze. Avete la pulizia delle strade notturna nelle vostre città? Da noi è presente da una vita, l’incubo di ogni famiglia, un evento che ha trasformato la vita sociale. La sera della pulizia delle strade in tanti decidono di non uscire, a causa dello stress provocato dalla ricerca di un posto libero nel quartiere limitrofo ad ora tarda. In queste situazioni, c’è stato per lungo tempo una sorta di silenzio assenso nel far lasciare l’auto in posti non regolari, come ad esempio i marciapiedi. Mercoledì mattina non mi sono trovato l’auto che avevo lasciato nel solito posto, nel solito marciapiede autorizzato fino ad una settimana prima. Mi era stata portata via dalla polizia municipale e quindi ganasciata, per un costo totale di 136 euro. Nessuno aveva avvertito che quello che era consentito fino a qualche giorno prima, non lo era più. Non stupitevi nel leggere che a Firenze i vigili urbani sono una categoria che rischia spesso l’incolumità fisica, e non tanto per colpa di ladri e spacciatori, ma le aggressioni avvengono spesso da gente comune. L’amministrazione comunale è riuscita a creare un clima pesante, con l’auto che è diventata una delle fonti di entrata della casse, tra multe e parcheggi a pagamento. E’ dura stare in una città dove tutto costa in maniera eccessiva, dove l’auto è un lusso, dove la sera riuscire a capire in quali strade passare tra ZTL, ZONA BLU e ZONA PEDONALE. Ma è anche una città dove, per farsi passare la rabbia, basta fare qualche chilometro fuori per rilassarsi: meno male che quella mattina andavo a Lamole, grazioso borgo vicino a Greve..c’è sempre un happy ending nelle storie!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 Commenti

  1. bravo..ecco io sono una di quelle che pur di non tornare e angosciarmi la vita di notte tarda per trovare un parcheggio che non c’è neanche se piangi e paghi oro..il venerdì se esco è sempre con scrocco di passaggio! Perchè al dì là delle ganascie e perdita di tempo..zz..quanto ci costa sbolccare la macchina!

  2. carissimo vedi, la cosa vista con occhi stranieri diventa sempre un po’ diversa. L’ultima volta che sono stata a Firenze è stato grazie “ai mercoledì al mercato” (non so se hai presente) una delle manifestazioni più intelligenti a cui ho partecipato e ce mi sarebbe piaciuto venisse esportata in tutte le città italiane . In quella occasione sono stata catapultata in una tavolata di fiorentini DOC che si lamentavano (forse con accenti esagerati) del loro sindaco e dell’amministrazione tutta. Visto che erano pure elettori di quella data giunta mi sono alquanto stupita dell’incapacità di ricercare un dialogo costruttivo con i loro diretti rappresentanti.
    La pulizia delle strade va fatta, è estate è imperativo! Senza contare che una delle fonti d’introito delle vostre casse sta nel turismo, quindi non mi pare sensato far trovare ai viandanti delle strade intasate da rifiuti e topi (per non parlare della puzza). Io da esterna vi ho sempre invidiato quel sindaco, come ammiro ed invidio il sindaco di Bologna. Stranamente entrambi sono contestati, criticati e assolutamente contrastati dalla cittadinanza in ogni singola iniziativa che intraprendono. Non è strano? Non è un sistema per mettere su quella poltrona un qualcun altro che riuscirà a far molto peggio e senza manco una minima possibilità di dialogo? Quella sera (tornando alla serata del mercato) sembravo una Don Chisciotte in gonnella, l’unica a difendere a spada tratta un sindaco che si è trovato ad amministrare una delle città più floride (e quindi enormemente più difficili) d’Italia. Povero Domenici, gli avete pure bocciato il tram!

  3. il male di Firenze e’ che molto spesso vengono ascoltati pareri come questo(che fanno piu’ comodo alla giunta….) e non dei fiorentini che a Firenze ci abitano e ci lavorano…..
    alla tua domanda ti sei risposta da sola……
    a fine serata….hai preso e te ne sei ritornata nella tua citta’…….o vivici un pochino di piu’ e cambierai parere non e’ che i fiorentini sono scemi e’ che e’ un dato di fatto che questa citta’ e’ diventata invivibile….e te lo dice uno che abita dentro le mura!
    un amministrazione che si regge sulle multe……..e le mette a bilancio come una delle prime voci d’entrata….
    se da domani i fiorentini diventano tutti corretti e rispettosi del codice della strada……il comune che fa chiude bottega…?

  4. non sai quanto ti capisco leonardo. questa del lavaggio strade è una follia. che colpisce Firenze più di altre città.
    perchè un conto è lavare le strade (in tutto il mondo lo fanno) un conto è dire 1 volta a settimana tu per 6 ore qui non puoi parcheggiare.
    e io la macchina per 6 ore (guarda caso notturne) dove la metto? già c’è carenza di parcheggi.
    e infatti in quelle sere veniva chiuso un occhio.
    quello che è successo a te mi fa davvero tristezza.
    posti non convenzionali, ma dove l’hai sempre lasciata. di botto, te la portano via. è assurdo.

    a roma non fanno così e neppure a madrid dove ho visto lavare le strade anche con l’auto parcheggiata (con gli idranti).

    alla signora che non vive a Firenze (e la giustifico solo per questo) le dico che MAI in passato la città era stata cosi mal gestita (le dico subito che io purtroppo non posso votare a Firenze, ma all’Impruneta).

    il traffico: convogliato su 1 unica direttrice (i viali) provocando il congestionamento di una viabilità già sofferente per i lavori della tramvia,
    la ztl: una totale e mutevole anarachia per cui per muoverti in città devi avere un manuale,
    e ancora: lo spiegamento di forze di polizia solo per fare multe e non per garantire sicurezza (nessuno nei pressi della Fortezza che fermasse i 7 balordi che hanno stuprato la ragazza), una volontà di allontanare i fiorentini dal centro lasciandolo solo preda dei turisti, soprattutto la sera
    l’incapacità di vedere che per far restare i turisti in città un periodo più lungo del 1,2 giorni di media, servono eventi anche per la sera e non solo mostre e musei.

    forse non dipende dal sindaco, ma sono elementi che rendono la vita a Firenze ben diversa da quella raccontata nelle guide turistiche e invidiata da mezza Italia.

    e basterebbe poco… un po’ di intelligenza, flessibilità, attenzione.
    per esempio: la sera del lavaggio, i residenti potrebbero avere 1 bonus di 6 ore su un parcheggio limitrofo. io abito vicino a una grande coop che di notte ha il parcheggio vuoto. perchè non “obbligarla” la sera del lavaggio a offrire ai residenti un po’ di posto?
    per esempio: quando ci sono grandi eventi programmati (leggi Pitti Uomo o concerti allo stadio) si potrebbe avere una piccola riduzione delle ztl varie per permettere un po’ di smaltimento del traffico congestionato
    per esempio si potrebbe rafforzare gli autobus notturni o crearne 1 gratis per permettere a chi viene dai viali, l’accesso al centro senza auto. senza che siano i privati a doverlo fare (leggi iniziativa Bus By Night )
    per esempio tanto altro

    scusami leo per la lunghezza ma come sai .. su certi argomenti mi scaldo 🙂

  5. @fiordisale
    Metti pure che noi fiorentini siamo un popolo di litigiosi(guelfi e ghibellini, guelfi bianchi e guelfi neri, tanto per fare un esempio), ma di sicuro stiamo vivendo in una città fuori dal tempo. Prendiamo il sindaco: tu parli giustamente di Domenici, quando in realtà il sindaco di Firenze da molti anni a questa parte è l’assessore Graziano Cioni. E’ lui quello che fa e disfa in città, nel traffico, nella sanità, in tutti gli ambienti sensibili. COmunque è uno che ci mette la faccia e che ascolta quello che le personvogliono, cosa ce il sindaco precedente e l’attuale hanno fatto poco. Diciamo che manca una capacità di comunicazione non indifferente

    @michele
    Sono d’accordo sull’invivibile, meno sul fatto che un’altra giunta riesca a cambiare le cose

    @nelli
    Brava, centrato il punto. Santa cosa la pulizia delle strade ma non decidi dall’oggi al domani di multare le macchine dove le hai fatte sempre parcheggiare. E poi, come diceva Michele, mettere a bilancio le multe, innalzando ogni anno il preventivo, è una tecnica dell’amministrazione che serve non certo a prevenire. nessuno dirige il traffico a Firenze, tutti però fanno multe per divieto di sosta! A mio avviso le tue proposte sono valide, nessuno intende però adottarle!

  6. il lavaggio delle strade l’incubo di tutte le famiglie?un incubo?per questo motivo può essere duro vivere a Firenze?!ma non esageriamo via…..cerchiamo di usare i velocipedi(quando è possibile):Io viaggio molto in bici(lo posso fare),tanta gente che potrebbe continua a usare le auto avvelenandoci inutilmente e troppi ragazzi bevono troppi alcolici,anche perchè non viene fatta adeguata informazione.

  7. @tutti scusate, vi sembrerò banale e ingenua a far domande scontate però i conti non quadrano lo stesso, perlomeno dal mio punto di vista, che come dice bene Michele è da esterna, quindi relativo e limitato. Però quando la giunta presenta il bilancio in consiglio, dove appare chiaramente che una buona percentuale di denaro è affidata alle multe, i fiorentini ‘ndo stanno? E le associazioni che chiedono incontro al sindaco (ho scritto sindaco, non assessore, perché si è votati lui, ed è lui che deve rispondere, non il suo assessore) dicevo avete associazioni che incontrano il sindaco per mediare su talune posizioni ed accordarsi su altre? A me pare che ci sia uno scollamento totale, dove ciascuno è arroccato su posizioni che alla fin fine non portano da nessuna soluzione. L’importante è capire se questa soluzione interessa, se si vuole davvero un incontro oppure si spera nel nuovo che avanza o semplicemente che si preferisce disinteressarsi, delegando un vice Dominici, per comodità (ma quest’ultima opzione avrebbe qualche controindicazione, meglio non illudersi).
    Per esperienza però mi pare che non sempre il nuovo che avanza si associ necessariamente ad una giunta migliore.
    Una delle sensazioni che ho ricavato dalla mia vacanza fiorentina è stato un qualche potere da parte della confcommercio.
    E’ un’impressione falsata? E nel caso fosse reale com’è possibile che un manipolo di bottegai abbia più potere contrattuale rispetto al bene comune di tutti? Ma soprattutto perché la cittadinanza lo ha accettato (e lo accetta) senza opporre una forza uguale a contrasto?
    Tutto questo è veramente buffo, perchè io sto nella città regina del mugugno, qua la gente mugugna e protesta pure se vincesse alla lotteria, per dire, eppure quando il sindaco, per esempio, ha messo telecamere (eccetera, eccetera) per invogliare la gente a prendere l’autobus, ma soprattutto per imporre ai motociclisti indisciplinati di smetterla d’invadere le corsie preferenziali dei bus, ha saputo crcare e trovare un canale di dialogo col sindaco. I primi tempi dell’installazione delle telecamere, cominciarono a fioccare multe, e qua si parla di una media di 30 multe a testa, solo nella prima settimana, una spesa insostenibile, insomma. A quel punto i cittadini si sono aggregati in una sorta di associazione estemporanea ed hanno incontrato il sindaco, strappando una specie di sanatoria per i primi 15 gg in cui entrò in vigore il nuovo sistema. Mi rendo conto ch’è poca cosa, mi rendo pure conto che il nostro sindaco eletto lo scorso anno, ha dovuto smettere in fretta di fare il politico ed ha imparato velocemente che amministrare una città calda come Genova non è affatto facile. Perchè noi qua si muggna, però si va pure fino in fondo, e ci si incontra finchè non si arriva ad una soluzione che vada bene a tutti. La maggior parte delle volte ci si riesce. Per questo, tranne rare eccezioni, noi qua si è sempre voluto bene ai nostri sindaci, il peggiore che ricordo fu Burlando e la sua indegna giunta. Vabbè ve l’ho fatta lunga, chiedo scusa e lungi da me indicare percorsi o robe simili, è che io amo molto Firenze e i fiorentini ai quali tributo n’anticchia d’importanza in più rispetto agli altri italici e mi sembra davvero così strano che nella culla dell’italiano si parlino linguaggi incomprensibili, perlomeno al vostro interno.
    Perché si è votato contro la tranvia?

    piesse Leonardo ti chiedo umilmente scusa per la logorrea 🙂

  8. @fiordisale
    Anzi, mi piace un intervento come il tuo, misurato e che forse aiuta chi abita a capire meglio il problema. Guarda che sula tramvia bisogna leggere meglio i risultati. Più del 60% dei fiorentini non ci sono andati e quindi secondo me esprimono assenso (il referendum era consultivo). Più ci metti quelli che hanno votato a favore, la tramvia non la vuole il 30% degli abitanti, poca cosa insomma. Spero che la costruiscano in fretta! Riguard alle posizioni arroccate, beh..governare i fiorentini è difficile per non dire impossibile:-)))

  9. per citare mussolini direi che più che impossibile, governare i fiorentini è INUTILE!
    grazie della citazione sull’unità compagno romanelli!

  10. Ma ci vuole tanto a CAMBIARE SISTEMA DI PULIZIA?

    Nelle altre città d’Italia mica c’è la deportazione settimanale delle auto di un quartiere!

    Il sistema di Firenze è solo per farci i soldi sopra, oppure denuncia una chiara incompetenza degli amministratori. D’altronde, se i cassonetti vengono svuotati alle 14 o alle 10 o anche alle 18, nelle ore di punta e col traffico, ma mai di sera, vuol dire che nel Quadrifoglio gli idioti o i raccomandati non mancano.

  11. @riccardo
    Chiaro che pensare ad una lobby fiorentina dei parcheggi, dei carri attrezzi, della polizia municipale sembra fantascienza ma fanno di tutto per farti venire cattivi pensieri. Mi chiedo: sei fiorentini decidessero improvvisamente di boicottare tutto il sistema, lasciando l’auto il più possibile a casa, rispettando le regole in maniera pedissequa, come fa il Comune a rispettare il bilancio? Vogliamo poi parlare della Zona blu? Sfido un solo turista a capirci qualcosa riguardo alle ore nelle quali può passare..ma anche un fiorentino!!

  12. Ho sempre pensato negli ultimi anni di buttare via la macchina e girare solo in bici, il problema è chiaramente il rigido inverno e la pioggia. Circolare in automobile a Firenze è diventato un trauma , non si può accettare che una città così piccola abbia un traffico paragonabile ad una metropoli. All’ora di pranzo ci possono volere anche 40 minuti per arrivare dalla stazione a Piazza Alberti, questa è follia pura. Le auto sono occupate per lo più dal solo conducente, gli autubus sono insufficienti e mai in orario. Il parcheggio è utopia negli orari di ufficio. Gli scooters sono la scelta che in tanti hanno fatto, ma non tutti possono permetterseli o sono in grado di guidarli. Ci vorrebbereo dei blocchi al traffico più ferrei e il doppio degli autobus. Questo inverno mi impegnerò ad usare la bici in qualsiasi condizione climatica, anche se -come dicono tanti giovani- pedalare nel traffico non è salubre e pericoloso.
    Ho vissuto per lavoro all’estero. Sono tornato a Firenze per stare vicino alla mia famiglia e alle mie radici. Ho un grande desiderio di libertà e dignità, che qui non riesco ad esaudire. A volte penso seriamente che l’amministrazione comunale sia contro il cittadino. La mia sfortuna è avere provato cosa significa essere un immigrato, perchè adesso che sono a “casa” non mi sono mai sentito così oppresso in vita mia.
    La tramvia potrebbe aiutare, peccato che intanto i lavori stiano procedendo così lenti che mi sono gia rassegnato. La pazienza è la virtù dei forti, o no?
    Scusatemi tutti, il mio è uno sfogo.
    Per me adesso la bella Firenze è solo sulle cartoline.

  13. hai saputo leonardo di una proposta di un tuo omonimo?
    magari passasse…

    Un progetto per pulire le strade in maniera diversa, senza spostare le macchine. (…) Una mozione di “predisporre un piano che permetta di eliminare rapidamente la necessità di spostare le auto durante la pulizia stradale attraverso l’introduzione di mezzi e tecniche utilizzare in altre città italiane e straniere”. La proposta è stata presentata questa mattina in Palazzo Vecchio…

  14. di cosa vi lamentate?
    a catania manco le puliscono le strade,sembra un immondezzaio,e gli stalli ormai sono tutti a pagamento..contro la legge,perchè la legge dice che ogni tot striscie blu ci devono essere tot striscie bianche,da noi tutte blu e non se ne parla piu(che fa anche rima).
    sacrificate una serata per avere strade decorose.
    un catanese,e me ne vergogno.