Ingredienti per 6 persone: Per la pasta: 500 g di farina, 5 uova (o 18 tuorli), sale fino, un trito di  due  spicchi  di aglio, un rametto di rosmarino, tre foglie di salvia, pepe nero. Per la salsa: 350 g di trippa fresca, un porro, un peperoncino, 400 g di polpa di pomodoro, 2 mazzetti di basilico, 1 dl di olio extra vergine di oliva, 150 g di pecorino

Preparare dapprima la pasta, disponendo la farina a fontana, unendo al centro il trito, le uova, il sale e il pepe. Amalgamare il tutto con cura, quindi far riposare la palla ottenuta in un panno. A parte, stufare il porro tagliato a fette sottili in una padella, insieme all’olio ed un po’ di sale. Aggiungere la polpa di pomodoro, salare appena e aggiungere un mazzetto di basilico tagliato a strisce sottili. Far cuocere per circa quindici minuti, quindi passare il tutto al passaverdure e frulllare poi il composto con un frullatore ad immersione. Unire, a questo punto, il restante basilico tritato. Stufare la trippa tagliata a sottili listerelle nella salsa di pomodoro. Tirare la pasta ad uno spessore fine e ricavare le tagliatelle, cuocerle in abbondante acqua salata, scolarle e condirle con la salsa. Condire con il pecorino grattugiato e servire ben calde.

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

8 Commenti

  1. mi piacerebbe ascoltare tua moglie… la vedo esclamare
    non ne posso più
    sai le donne all’inizio amano il compagno chef con l’abitudine si rompono e dicono di ingrassare quindi…
    ieri ho cucinato per trenta persone… a leggerti con una ricetta di lunedì sinceramente ho il rigetto
    ti ho mandato una e-mail con altre due persone per chef per un giorno
    certo che se tutto il gruppo da me mandato riuscisse a stare insieme sarebbe un gossip

  2. oddiomio iniziare di lunedi con la trippa noooo
    insomma un brodino vegetale, qualche verdurina di stagione magari al vapore condita con del buon olio extravergine di oliva, una pasta al pomodoro..troppo poco??
    chia

  3. mi è caduto un mito..il romanelli al supermercato!!!
    e il lampredotto, la chianina, il maiale di cinta e i vini in verticale ed orizzontale e il pane fatto a legna, i formaggi di langa..doc dop igt leonaro al supermercato che spinge un carrello di prodotti informi…se lo sa bonilli!!!!!

  4. @chiara
    Ovviamente menti sapendo di mentire:-)))sai bene cosa c’era nel carrello
    @marco
    Il carrello al supermercato perchè no? Se si tratta di Coop i prodotti sono indubbiamente validi! Più che Bonilli, Vizzari..ricordati che di ristoranti scrivo su l’Espresso, di vino sul Gambero Rosso!!

  5. non mi trovi impreparato sapevo del tuo lavoro dell’espresso e sapevo del gambero rosso
    ti seguo da tempo e se non erro lessi articoli su coop
    poi un giorno dissi questo che sta a fa quì!!!
    intendo a chef per un giorno..certo tu tutto sciolto e la fadda che ti riporta all’ordine…. me ne farò di risate