Ingredienti per 6 persone

Per l’impasto: 1 Kg di patate, 250 g di farina, 50 g di parmigiano, sale fino, noce moscata,

Per la salsa: 6 carciofi, 3 spicchi d’aglio, un mazzetto di prezzemolo, sale fino, pepe nero, 400 g di zampa bollita, 50 g di burro, 100 g di pecorino, 1 dl di olio extravergine di oliva, 1 dl di vino bianco

Lessare le patate, pelarle, e passarle al passaverdure con i fori piccoli. Farle freddare, quindi unire gli altri ingredienti. Impastare velocemente e lasciar riposare. A parte, pulire i carciofi e tagliarli a spicchi piccoli. Tritare l’aglio e il prezzemolo e farli rosolare in una padella con l’olio; unire i carciofi, salare, pepare e bagnare con vino bianco, aggiustare di sapore e continuare la cottura a fuoco basso, coperti.  Metterela zampa tagliata a strisce sottili a rosolare con il burro, quindi cospargerla con il pecorino e farla leggermente gratinare in forno. Con l’impasto formare dei cordoni e ricavare gli gnocchi;    cuocerli in acqua bollente salata e, quando vengono a galla,  scolarli e metterli nella salsa di carciofi e terminare unendo la zampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 Commenti

  1. perdonate l’ignoranza… cos’è la zampa ? inizialmente ho pensato a una semplicissima zampa di gallina… ma il tagliarla a striscioline m’ha fatto capire che forse mi sbagliavo…
    😕

  2. Il problema di alcune patate, comunque, è quello di avere troppa acqua nella loro consistenza; di conseguenza quando si impastano non legano uniformemente con la farina, ma creano i cosiddetti “grumi”, sicchè la preparazione diviene un po’ più dura. Le patate rosse calabresi della Sila , invece, hanno poca acqua sia per il fatto che viene coltivata ad un’altezza di 1000 m e più (patata di alta montagna), sia per la particolarità dello specifico tubero; quando la si impasta con la farina si lega perfettamente con essa senza formare grumi. Avrete così una consistenza di farina e patata in ugual misura, così da aver il vero gnocco di patate. Considerazioni analoghe possono farsi nelle preparazioni di gateau, purè, ed altri sfornati.
    E che dire se la patata rossa poi la si sperimenta come patata fritta?? Ammesso sempre che riusciate a mangiarla prima dei vostri figli.