Fra gli animali da cortile, il coniglio è quello che ispira più simpatia, da vivo ovviamente! Saranno le orecchie lunghe, gli occhietti vivi , il pelo morbido, sta di fatto che più di un bambino lo vorrebbe avere come animale domestico. Non è un caso, quindi, che negli Stati Uniti è raro trovare qualcuno disposto a mangiare tranquillamente “rabbit” : la sola parola causa sguardi smarriti, pesanti sospiri, pena infinita. Tanta pietà diventa difficile spiegarla, quando le stesse persone addentano con piacere una succulenta bisteccona  di manzo, ma è lecito pensare che la psiche umana è oggetto di interpretazione piuttosto ardua. Il malcapitato coniglio trova la sua “morte”, gastronomicamente parlando, nel sugo con il quale si condiscono le pappardelle. Considerato il “parente povero” del ragù di lepre, gode invece di una propria dignità, risultando inoltre più leggero e digeribile. Scoperta negli ultimi anni dai nutrizionisti, la carne di coniglio è diventata alimento privilegiato per chi vuole mangiare carne senza appesantirsi eccessivamente. Le cotture dovranno però essere semplici:alla griglia, arrosto, al vapore, evitando possibilmente il coniglio bollito, fra i piatti più tristi che si possono trovare, con l’unico beneficio di ottenere un brodo gradevole. I buongustai impazziscono per il coniglio fritto, magari disossato per facilitare il consumo, ma anche preparato alla cacciatora, con funghi e pomodoro, trova larghe schiere di ammiratori. Per rompere la monotonia, provatelo in insalata, tagliato a filetti e mescolato a uvetta, nocciole e radicchini:un antipasto alternativo per stupire gli amici!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 Commenti

  1. e con la mettiamo con i conigli da compagnia? da quando mia sorella se ne è messo in casa uno non posso nemmeno più nominarlo (in padella) che passo per cannibale…
    ma è buonissimo!

    [segnalazione: ne ho appena assaggiata una versione splendida a “la fefa” a Finale Emilia: sella arrotolata nel lardo con sformato di patate, delicata e “precisa”.]

  2. Si lo so….sono avvinghiato alla tradizione…..faccio schifo…ma per me il coniglio fu…era…e’ e sara’ sempre e solo alla cacciatora!!!! O come ingrediente di un bel ragu’ per la pasta!!E’ IL VERBO!! IL DOGMA!!! Ma in quanto uomo…fortemente tentato da alcune soluzioncine da te proposte caro Leonardo nel presente post….che dire…l’idea di un bel conisclietto fritto croccante fuori e morbido dentro da gustare ben caldo…mi fa venire quasi lpacquolia.

  3. simpatico animale dalle orecchie lunghe….e pelose…chi sa se ci sono dei vegan tra i tuoi fans
    :)))))) professore i miei saluti
    io de magna sono satollo tu?

  4. ciao…sono capitata per caso in questo sito…cercando informazioni per la mia adorata coniglietta! si si perchè io i conigli non li mangio! se solo provaste a prenderne uno in casa con voi vi accorgereste che sono animali intelligentissimi, affettuosi e anke fedeli…è un peccato ke finiscano nelle tavole! posso solo sperare che questa “tradizione” culinaria finisca presto…in pratica confido nell’intelligenza degli uomini…mi illudo???forse!