Da piccolo mi piaceva. O meglio, amavo l’odore del pane tostato e la fusione della fontina(anzi edamer quasi sempre), stimolava le papille gustative. Malgrado la pesantezza, lo associo all’estate, quando c’era più tempo per fare colazione e sperimentare nuovi sapori..quando poi al bar lo ordinavo insieme alla spremuta d0arancio, invece della solita ciambella e latte macchiato, mi sentivo un signore. Sempre mangiato solo e sempre il classico, prosciutto cotto e fontina, mai spalla, spesso edamer appunto, ma niente sale o altri condimenti. E a voi quale piace?

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 Commenti

  1. In Friuli si usa servirlo impiattato e com accanto della salsa rosa dove intingere il toast. Comunque nella sua semplicita’ e’ molto meglio di vari panini Piu o meno farciti.

  2. purtroppo il toast è arrivato al tramonto….., manca la materia prima il pane, pan carre ! non se ne trova più, quelli commerciali fanno pena solo alcol etilico e porcherie varie, troppo soffici per realizzare toast di buona fattura e nessun panettiere lo sforna più! io ho bellissimi ricordi quando si comprava questo pane intero, a cassetta, si tagliava a mano e vai….prosciutto crudo e fontina ( ora sottiletta…) e poi c’è bisogno del tostapane non delle piastre che lo schiacciano il pane a cassetta tostato…. respira…

  3. Quello che mangiavo da bambino quando mio nonno mi portava all’ippodromo di San Siro: pan carré, fontina, prosciutto cotto e una montagna di peperoni sott’aceto! Che bei sapori da grandi…