Passi in una trattoria, farlo trovare direttamente a tavola, ma anche in un ristorante sembra fuori luogo: ma se accade vuol dire che qualcuno che usa lo stuzzicadenti a tavola esiste sempre. Una delle novità degli anni Ottanta fu quella di far trovare gli stuzzicadenti in bagno, con l’idea giusta che l’operazione di sfrucugliamento denti dovesse avvenire  al riparo di sguardi indiscreti. Oggi siamo forse tornati in tempi di riflusso? Sono bandite le norme generali di buona educazione? La visione dell’uomo di età media in canottiera, seduto in giardino, mentre compie l’operazione di pulizia dopo aver mangiato la rosticciana che, si sa, lascia sempre fastidiosi ricordi tra i denti, è l’archetipo del comportamento coatto. Non è che ora che siamo in tempo di “vaffa” lanciati a più riprese colpendo nel mucchio, torna ad essere un’azione da riprodurre, magari in maniera provocatoria? Forse la scelta di Ferran  Adrià, di nutrire il mondo di cremine e mousse nasceva proprio da una visione tragica dell’utilizzo smodato di stuzzicadenti..chissà!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento