L’unico caso che posso ammettere nel consumo di spinaci in scatola è il ricordo nostalgico di Braccio di Ferro, con la lattina aperta grazie alla potenza sviluppata dai muscoli rigenerati proprio dai vegetali: altrimenti sono semplicemente da abolire. Perché, mi chiedo, una verdura che potrebbe essere consumata cruda in insalata, condita con solo olio EVO e limone, oppure saltata in padella sempre da fresca, senza essere sottoposta a sbianchitura, debba essere penalizzata dalla conservazione in lattina? Quale oscuro motivo spinge ad acquistare una scatoletta di alluminio  che, alla sua apertura, provoca momenti di imbarazzo a causa di odori non proprio inebrianti? Oggi che si trovano in commercio spinacini novelli, freschi e croccanti, quale pena deve essere espiata per mangiare questa sbobba non meglio precisata in forma e consistenza? Si può tentare di utilizzarli in un minestrone, ma lo rovinerebbero in maniera inesorabile, utilizzati in uno sformato, che toccherebbe correggere con quintali di parmigiano e besciamella, metterli come farcia di ravioli, ma la fine della pasta ripiena sarebbe inesorabile. Quindi, perché utilizzarli? Acquistiamoli freschi e godiamo del piacere della consistenza e dei profumi, saremo in pace con la coscienza ma anche il gusto ne guadagnerà. Chi ha voglia di caldeggiarne l’acquisto, invece, parli ora o taccia per sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento

  1. E se si vive dove non ci sono spinaci freschi, come si fa? Bisogna rinunciare alle buone qualità di questo umile ortaggio?