Il bello della stagione autunnale è quello di poter approfittare della calma della domenica mattina senza doversi mettere in coda sull’autostrada per andare al mare, come succede in estate, o cercare di raggiungere le piste sulla neve per sciare: i ritmi si allentano e c’è il modo di iniziare la giornata in maniera più rilassata. Ecco allora che la moda del brunch ha preso piede, non è stata più un evento passeggero ma una vera e propria istituzione che coinvolge molti locali di ogni categoria. Per coccolarsi, almeno una volta, conviene prendere l’ascensore e dirigersi all’ultimo piano del Westin Excelsior a Firenze dove si trova SeSto ON ARno, ovvero il ristorante situato sul tetto: un’astronave atterrata in città, dove godersi della vista procura una sicura sindrome di Stendhal. Posto magnifico dove opera come che Entiana Osmenzeza, giovane e dinamica chef di origini albanesi. Il brunch si divide in due parti: nella prima si sceglie il cocktail, selezionati dallo chef Barman Mario D’Onghia, da sorseggiare con gli antipasti che comprendono caviale con i blinis caldi, ostriche, gamberi con lime e varie tipologie di salumi.Poi si passa alla seconda sala, dove viene proposta una scelta tra due primi e due secondi, serviti al tavolo, con specialità anche classiche come l’ossobuco o tagliatelle al cinghiale e cacao. Grande scelta di dolci al buffet sul finale. Ogni settimana cambia poi la scelta di vini al bicchiere. Costo 65 euro a persona. Poi il pomeriggio si fa più lieve..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento