Dal 1 al 4 Novembre  viene organizzata a Treviso la “Tiramisù World Cup”, manifestazione che vuole celebrare il dolce italiano più conosciuto al mondo, che vanta il maggior tentativo di imitazioni, che esiste in versione surgelata, liofilizzata, refrigerata, sotto forma di gelato , e chi più ne ha più ne metta. Il tiramisù è oramai diventato un dolce italiano, si serve nel rifugio della Val d’Aosta come sulla spiaggia di Pachino, ma la nascita è contesa tra Treviso e il Friuli, con due ristoranti che si contendono la paternità, ma che entrambi riportano gli stessi ingredienti e lo stesso procedimento. Proprio per questo, durante la 4 giorni golosa, è stato organizzato un concorso per amatori, dove è possibile preparare e far assaggiare una versione di tiramisù tradizionale. Ma è stata aperta anche la sezione del tiramisù creativo, e tra le richieste arrivate all’organizzazione, c’è anche quella che pone il quesito sul fatto che sia lecito o no impiegare un non meglio precisato “paté di pesce” durante la preparazione! E sì che altre proposte che erano arrivate erano state sorprendenti ma non a tal punto: tiramisushi, fatto cioè a forma di sushi; il mais come ingrediente, o anche l’ananas, ma la questione sul poterlo fare salato era già arrivata. Quindi, che dire? Bella l’idea di separare i due filoni: da un lato, trovare la perfezione in un gusto classico, ovvero immutabile nel tempo perché sempre valido, un po’ come quando si parla di classici della letteratura, sempre validi malgrado gli anni che passano. E poi, nel creativo, sarei nell’esagerare senza ritegno. Un esempio? Pan di Spagna preparato con pecorino grattugiato , bagnato con Vin Santo toscano secco, poi sopra uno strato di crema di mascarpone al basilico, granetta di nocciole tostate fiocchi di robiola a guarnizione. E se dovessi raccogliere la sfida del pesce, non un paté ma un crostaceo, e quindi il pan di Spagna diventa una pasta modello babà aromatizzato al gin, strati di salone affumicato, quindi mascarpone all’erba cipollina e sopra un velo di gamberi crudi tagliati a rondelle sottili. Ho esagerato?

Credits Olivegarden

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento