L’ho visto da lontano ed ha cominciato a sollecitarmi non poco. Sarà per la forma, rotonda, sferica, per la lucentezza che emanava: direi che era una visione eccitante. Toccarlo mi sembrava eccessivo, non sapevo se poi sarei stato in grado di sostenere il seguito, ma la voglia era tanta. Ruppi gli indugi, lo afferrai a piene mani, spaccandolo senza pietà ed affondandoci completamente la bocca..quanto è buono il cocomero in estate!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti

  1. Ritorno dalle ferie…..provado da un duro durissimo e soprattutto perpetrato confronto con birra e wodka….apro questo bog e che ti trovo??? L’apoteosi del godimento….l’apice della libidine…..la piu’ alta vena poetica magnereccia del nostro professore che ci decanta le virtu’ del….. COCOMERO!!! Un solo rimpianto….il frigo e’ giustamente vuoto….e adesso la voglia di citrone gelato e’ tanta….mi sa che mi tocca vestirmi e andarmi a cercare un cocomeraro al lungomare!!

  2. A differenza di Fabrizio io ho finito adesso una serie di rogne lavoratesche, si è vero, avrei potuto tranquillamente distribuirmele tra domai, venerdì e magari uno spicchio di sabato, anziché far notte. Però io stasera spengo la sveglia ed ora, da subito, sono ufficialmente in ferie!
    Appena mi ripiglio programmerò pure che farne, ma adesso ho solo voglia rilassarmi, quindi Leonardo, anche se non ho il cocomero in frigo, sono certa che il pensiero delle mie ferie appena cominciate ha un livello di godibilissima eccitazione pari, se non superiore al tuo 😛