Ebbene sì, quando capita bisogna dirlo senza problemi, anche perché il mio non era un auspicio ma una considerazione: mi ero sbagliato. I produttori di Montalcino hanno votato a larga maggioranza per il mantenimento del disciplinare attuale per la produzione del Rosso di Montalcino, ovvero 100% sangiovese. Per la cronaca, quasi oraria, conviene se vi andate a rileggere quanto scritto da Franco Ziliani, o l’entusiasmo di Andrea Petrini nel commentare la notizia, Intravino e poi molti altri. Logica vorrebbe che il Consiglio, dopo essere stato di fatto sfiduciato, rassegnasse le dimissioni e si procedesse all’elezione del nuovo Presidente. Accadrà? Vediamo se questa volta ci azzecco: non accadrà!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti

  1. Sinceramente è meglio così.. la produzione italiana, e toscana in particolare, si fonda sull’eccellenza e la qualità; ci siamo dimenticati degli anni 80 e del figlio di quella tendenza al ribasso, lo scandalo del vino al metanolo?
    Per il vino di “quantità” c’è già quello in brick, mi sembra suicida andare a competere in quella fascia di mercato.