La zona è ai confini con Fiesole, la Badia Fiesolana guarda da sopra, ma ci si trova sul ponte a due passi dalla via Faentina: qui ha aperto il suo ristorante Youssef Cherrar, per anni responsabile del bar al Caffè Cibreo di Firenze e qui pronto a lanciare la sfida del primo ristorante marocchino della città. Una volta si trovava qui “Artegaia”, aperta da Alessio Morelli poi, dopo una gestione passata senza lasciare traccia, ecco la proposta della cucina mediorientale. Si parte con una scelta di antipasti che comprende zaaluk di melanzane e zucchine al cumino, il taboulé di cus cus, l’hommos di ceci al sesamo e limone, e poi ancora le polpette marocchine in salsa di yogurt e menta o gli spiedini alle erbe aromatiche. Tra le zuppe, da provare l’Harira, a base di pomodoro e legumi o la B’Astilla di pollo con mandorle e cannella. Nel tradizionale per i secondi: il tagine, tipico recipiente di terracotta, accoglie molte specialità come il pollo al limone con patate e olive o l’agnello con prugne e mandorle: altrimenti, si può optare per il cus cus, vegetariano o alla carne con verdure. Per i dolci la crepe marocchina al miele o le arance alla cannella, ma sono disponibili anche specialità golose come la mousse al cioccolato. Si termina con un delicato e profumato tè alla menta. Scelta dei vini bilanciata, fatta secondo il gusto personale di Youssef, proposti a prezzi corretti. Tre portate escluso vini 30 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 Commenti