Forse devo convincermi che comprarlo on line sarà l’unica possibilità futura, anche perché nei negozi fiorentini il tabasco verde non lo trovo più. Cercato nei supermercati, la grande distribuzione dalle marche più famose: niente. Negozi che vendono ingredienti per cucina etnica: nessuna visione. Negozietti che prima tenevano qualche confezione: zero: E quindi? Si può essere dipendenti da una salsa di tipo industriale, piccante quanto basta, rinfrescante, adatta ad accompagnare una miriade di piatti? Si, lo confesso. Ricordi ancora che lo scopri una sera d’estate in un ristorante che non esiste più, “La Capannina di Sante” quando però il fondatore, Sante Collesano, aveva già lasciato. Me lo proposero sulle ostriche: lo so, abominio, ma come si fa, nemmeno il limone ci va…mi piacque. Da allora l’ho usato spesso, con carni bianche, insalate composte, crudo di carne e pesce, mi è sempre piaciuto il suo sapore rinfrescante , dato da aceto di vino, peperoni Jalapeno , acqua, sale, amido di mais. Forse lo potrei fare a casa, lo so, ma tanto non mi durerebbe a lungo: altri utilizzi me li suggerite?

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento

  1. Ciao Leonardo, ho letto con molto interesse il tuo post.
    Mi sembri un grande esperto del prodotto, ma provo comunque ad offrirti questo spunto per un utilizzo alternativo del tabasco verde: prova a metterne qualche goccia nel gin tonic. La quantità varia a seconda del gusto personale (io consiglio tra le 5 e le 8 gocce). Ti assicuro che questa aggiunta darà una forma diversa al tuo drink. Attendo tuo feedback.
    Noi abbiamo avviato una produzione di salsa al peperoncino (tipo tabasco, sia rossa che verde) proprio in Toscana (100% italiana). Il prodotto è stato finemente lavorato e nei prossimi mesi sarà pronto per essere commercializzato. Se ti interessano maggiori info contattami pure.