Gli piaceva osservarle nella loro forma regolare, sinuosa, accattivante. Le accarezzava pregustando il piacere che avrebbero dato da lì a poco. Improvvisamente ruppe gli indugi , se ne impossessò e cominciò un turbinio vorticoso, fatto di sbattimenti regolari, a volte più impetuosi, sempre coinvolgenti, attenti e potenti. Amava dosare le forze, non esaurire tutto in un attimo, anche perchè l’attesa prolungava il piacere successivo. Infine si decise e versò le uova in padella..che buona la frittata!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento