L’aveva snobbata per tanto tempo, non l’aveva mai considerata, ma lei era lì, ad aspettarlo. Questa considerazione gli prese la mente all’improvviso, di sera,quando sentì l’irrefrenabile bisogno di lei. Era una figura che lo aveva sempre incuriosito, sua madre la frequentava spesso e lui ne subiva il fascino anche se ad onor del vero, era ben lontano da pensare di poterla frequentare. I ricordi di bambino si perdono, con l’adolescenza la perde un po’ di vista poi la ritrova quando è più grande, che comincia ad uscire in compagnia, magari anche con altre donne: la vede lì, nei locali dove si siede anche lui, discreta, elegante, senza farsi notare troppo. Ancora non ci pensa che un giorno possa incontrarla da vicino, è troppo preso dalla vita che lo porta a girare tute le sere fino a tardi, con diverse compagnie,desideroso di emozioni forte, che lofanno anche star male , a volte, ma che lui ricerca quasi fosse un drogato. Sarà stato un moment di debolezza, o perchè sentivaveramente il bisogno di qualcosa di consolatorio, sta di fatto che quando la incontra di nuovo , nel bar, non fa finta di niente. Decide di affrontarla, la vedeva con occhi diversi adesso: meno prorompente, più affettuosa, elegante, disponibile. Era quello di cui aveva bisogno, basta con gli eccessi e i voli pindarici, era giunto il momento di tranquillità,,fu così che ordinò la sua prima tisana
Credits spazio.libero,it

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento