Conosciuto   in Italia soprattutto come vino da fine pasto, il Porto può essere servito anche durante tutto il corso di un pranzo, arrivando, nei casi estremi, a poter accompagnare un’intera successione di portate, dall’antipasto al dolce. Per ogni portata però, si deve prevederne tipologie diverse. Nel bere miscelato, si riesce a trovare qualche applicazione per i tipi White e Ruby; le altre tipologie sarebbero penalizzate dall’unione con altri distillati e liquori.

IL BICCHIERE DEL PORTO

Il classico bicchiere da Porto è la “copita”, fatto a forma di tulipano e sorretto da uno stelo di medie dimensioni. Per le versioni più importanti, come ad esempio il Vintage, si può usare un bicchiere della stessa forma, ma di capacità più ampia. Oppure, si può tentare con un bicchiere a calice molto ampio ,che riuscirebbe così a far sviluppare al massimo gli aromi contenuti nel vino

WHITE PORT

Servito fresco, alla temperatura di circa 10-12°, è un ottimo aperitivo quando viene accompagnato da mandorle salate, noccioline, olive. Da preferire il tipo Dry, che può essere utilizzato ottimamente anche per la miscelazione. In Francia e in altri paesi del Centro Europa, si serve anche la versione dolce ad inizio pasto.

RUBY

Viene servito ad una temperatura di circa 14° e può costituire anch’esso un ottimo aperitivo. Viene valorizzato, in questo caso, dall’abbinamento con crema di formaggi erborinati o crostoni caldi di formaggi a pasta dura gratinati in forno. E’ un Porto facile da bere, adatto ad un consumo pomeridiano, da meditazione. Altrimenti abbinato ai dolci al cioccolato, zabaioni e crostate con frutta fresca a bacca rossa.

TAWNY

Con questa versione si può azzardare l’utilizzo del Porto con l’abbinamento a pietanze salate. Può quindi accompagnare una mousse di fegato  o costituire un valido supporto ad un piatto classico quale l’anatra all’arancia. Ottimo anche a fine pasto servito insieme ai formaggi o come degna conclusione di una cena importante. Si serve ad una temperatura di circa 18°.

LATE BOTTLED VINTAGE

 Gli abbinamenti ottimali per la versione Tawny possono essere applicati anche alla versione LBV. Interessante il “mariage” con pasticceria secca in genere e con le torte di frutta secca in particolare. La temperatura di servizio è di 16°.

VINTAGE

 E’ la versione più complessa e difficile e per questo motivo ha bisogno di un abbinamento particolare. Per gli amatori si beve meglio se…accompagnato da un sigaro, della versione Avana, ad una temperatura di servizio di 18°. Altrimenti trova un matrimonio ideale con i formaggi erborinati di tutto il mondo:Stilton inglese, Gorgonzola italiano, Roquefort francese e il portoghese Serra da Estrela. Ottimo anche l’utilizzo con formaggi stagionati a pasta dura, accompagnati da miele d’acacia.

Credits: Drinks&co

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti