Se uno pensa solamente a pochi anni fa, appare quasi sconcertante il numero di pizzerie di qualità che ha aperto a Firenze: una volta c’erano solo quelle da pizza bassa e croccante, lievitazioni sbagliate, bassa qualità della materia prima, oggi molto è stato fatto per concentrarsi sul migliorare l’impasto, curare con più attenzione la scelta del pomodoro e della mozzarella, fare attenzione alla cottura. Siamo in una zona residenziale, ben lontani dai luoghi della nightlife fiorentina. A suo tempo, avevano aperto un bistrot che prendeva il nome dalla via,  “La Farina”,curato negli arredi, in legno, ma dalla cucina anonima e fatta magari per chi so voleva fermare per un pranzo veloce. Poi la trasformazione: l’attuale titolare ha lunga esperienza nel settore pizza, essendo uno dei soci di Pizza Man, la catena di pizzerie fiorentine, che recentemente ha aperto un nuovo locale in via Pacinotti, dove prima c’era un ristorante stellato, “La Bottega del Buon Caffè”. Prima cosa, ha messo ovviamente il forno, ha stravolto il menu, concentrandosi su specialità napoletane e del sud in genere, ma soprattutto ha deciso di puntare sulla pizza di qualità. La si può ordinare con impasti diversi, come quello al kamut, l’integrale, il senza glutine e quello all’acqua, la mozzarella è quella molisana ed altri prodotti arrivano da presidi Slow Food: quella della casa sconcerta un po’, almeno a sentirla descrivere,  250 g di mozzarella di bufala a fettone sopra!. Però la scelta è ampia e non mancano quelle speciali del giorno. Una nota di merito è il personale di sala, molto gentile con tutti e disponibile, la nota di demerito è la confusione incredibile al piano di sotto, il più grande, nel quale diventa difficile conversare ma è un problema al quale lo staff sta già ponendo rimedio. Per quanto riguarda la margherita, risulta ben riuscita, pasta cotta, buon sapore, direi ben congegnata: la caprese è anche troppo ricca, di pomodori pachino e mozzarella, basilico intero difficile da mangiare, ingredienti troppo freddi rispetto alla pasta, con l’impasto integrale appena troppo umido all’interno  Indubbiamente è un locale che attira, viene voglia di tornarci, per provare magari tutta la parte culinaria. Prezzi nella norma, insomma una bella novità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento