C’è una sorta di voglia di penintenza nel mangiare piatti come il peposo alla fornacina in estate? A ben vedere cosa succede nei paesi che di caldo ne hanno più di noi non si direbbe, visto che mangiare dela carne speziata in umido è cosa di tutti i giorni malgrado le temperature tropicali. Il cous cous è un esempio calzante, ma anche certi piatti messicani hanno la stessa funzione: il caldo quindi è solo una sensazione personale legata alla percezione diversa? Già, visto che da un lato i nutrizionisti ci insegnano a mangiare frutta e verdura, bere tanto, stare scoperti e poi vedi che in Africa, nel deserto, si coprono fino agli occhi per soffrire di meno..la verità assoluta, ovviamente, non esiste, dipende dalle situazioni, ma certo è curiosa la differenza. Tornando al piatto in questione, il peposo rappresenta un classico esempio di come la semplicità, in cucina, non sia sempre gradita. La ricetta è elementare: muscolo di manzo tagliato a cubi, messo in un tegame con aglio a spicchi non sbucciato, sale spezzato, pepe in grani, vino rosso. Lo si fa cuocere, possibilmente in un forno a legna ma, non avendolo in casa, sul fornello, per diverse ore sino a che la carne inizi a sfaldarsi. Servire con fette di pane toscano tostate. Stop! Unica aggiunta che si può ammettere, il mazzolino aromatico di salvia e rosmarino, ma facendo attenzione che non trasferisca sapori amari. “Elementare mio caro Watson” direbbe Sherlock Holmes..invece no, la tendenza è sempre quella di complicare la ricetta, rosolando la carne, aggiungendo quindi olio del tutto inutile, e magari gli odori, aggiungendo il pomodoro, e magari il brodo..trasformandolo insomma in un qualunque spezzatino.Perchè? Sembra quasi che l’abilità del cuoco non sia valorizzata nel primo caso, quando invece è proprio nella semplicità che si capisce la tecnica. Siamo in estate, si boccheggia di caldo ma..provatelo. E’ un’esperienza mistica che vi aprirà gli orizzonti futuri..oltre che le vie respiratorie!Credits peposo.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 Commenti

  1. Quest’ articolo mi porta indietro al pranzo del mio matrimonio 27 agosto 2011. Il pranzo l’avevamo organizzato al Residence Centanni, a Bagno a Ripoli, e il peopos era il secondo del nostro menu. Molto molto buono ed è un sapore indimenticabile!
    Carne, vino e pepe, un piatto semplice ma squisito.