Ma e’ vero o non e’ vero che le patate gialle sono ideali per friggere e le bianche per fare il pure’? In tempi nei quali si spacca il capello in quattro sulle differenze qualitative e, se parliamo di patate, ci si divide sulla provenienza piu’ che sulla tipologia, sembra una domanda da niente: ma se poi andiamo a provarle vediamo che non tutto torna. Dipende dall’epoca di raccolta, da come sono state conservate, da come vengono cucinate..Siccome e’ questo poi il nocciolo principale della questione, cerchiamo di capire come vengono fatte le patate arrosto: la regola classica le vuole tagliate a forma di mezzaluna, quindi, gettate in acqua bollente salata, scolate al prmo bollore, messe in una teglia unta con salvia, aglio e rosmarino e infornate. In questo modo diventano croccanti fuori e morbide dentro. Almeno..dovrebbero! E voi come le preparate?

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 Commenti

  1. Le taglio a tocchi irregolari, metto un foglio di carta da forno sulla teglia, verso olio abbondante, butto le patate, le salo, le cospargo di un tristo misto per arrosti fatto in casa (salvia, rosmarino etc.), le innaffio ancora un po’ d’olio, metto in forno e verso nella teglia mezzo bicchiere d’acqua… 180° per 35-40 minuti oppure 200° per 30 minuti.

  2. Io seguo il “metodo della mamma”.
    Le taglio alla “come vengono, vengono”, generalmente in pezzetti regolari, poi le metto in padella con l’olio (girasole o oliva) a fuoco basso e coperchiate.
    Quando sono diventate morbide scoperchio, cospargo con un trito di rosmarino, salvia, cumino, timo, sale e pepe ed alzo la fiamma per farle dorare e diventare croccanti.
    Ah, cerco di girarle il più possibile, questo non solo assicura una cottura uniforme ma causa anche una certa dispersione dell’amido che poi le rende più croccanti.

    Violà!

    —Alex

  3. Esattamente come le hai indicate tu. Ma con due piccole varianti. Aggiungo un cucchiaino di senape nera in grani (interi, non schiacciati) e un pizzico di asafoetida (che non si trova facilmente).

  4. Una volta, nella fretta, mi sono “inventato” le “patate d’arrosto d’emergenza”. Come mettere in tavola delle patate arrosto passabili in un quarto d’ora? Ecco qua: sbucciare le patate e tagliarle a pezzi abbastanza piccoli, mettere tutto in un contenitore adatto al microonde e infilare nel microonde fino a portare le patate a circa 3/4 di cottura rigirandole di tanto in tanto (nel mio micro, 5 minuti con un carico per 2 persone). Scaldare un po’ di olio in una padella antiaderente, metterci le patate con il solito trito di aglio, sale ed erbette (o il Saloro, se non si è avuto il tempo… siamo in emergenza, no?). Saltare in padella a fuoco vivo finchè le patate non hanno fatto la crosta. Risultato? quanto meno mangiabile…