Si tratta di uno degli esercizi storici della città: il quartiere è quello delle Cure e l’attività si trova qui dal 1970, anche se è iniziata nel lontano 1953. Il posto non è molto grande, soprattutto il banco del bar è molto limitato. Si tratta della classica pasticceria da asporto che ha successivamente deciso di fare servizio caffetteria; la titolare è la vera protagonista, riesce a dialogare in contemporanea con tutti gli avventori. Non ci sono tavolini e, vista la cronica mancanza di parcheggi in zona, è adatta a chi ha fretta o per chi sta passeggiando in zona. La brioche con la crema ha l’esterno che si presenta con lo zucchero semolato in superficie. La pasta non è particolarmente friabile, la parte esterna manca di croccantezza, non tende a sfogliarsi. Meglio l’interno grazie ad una crema particolarmente profumata, che predomina sul sapore della pasta lievitata.Il cappuccino ha un caffè di base piacevole, senza retrogusto bruciato o amaro, peccato la temperatura, troppo bassa, impedisce il raggiungimento di una perfetta consistenza e diventa così sfuggevole nella persistenza. Pasta 1 euro, cappuccino 1,20 euro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti

  1. Forse si può gustare uno dei bomboloni alla crema più buoni di tutta Firenze!
    Non ci vado spesso ma, con mia moglie, se vogliamo fare una buona colazione con cappuccio e pasta, passiamo da questa pasticceria/bar.
    La proprietaria è davvero istrionica e simpatica (nonché tifosissima della Fiorentina e non guasta mai!!!).

  2. È vero la signora è una simpatica fiorentina verace…il figlio gentile e pieno di amici .. è tutto buono…ho apprezzato anche le squisite pizzette di pasta frolla ..
    …si respira un’aria di famiglia..posto piccolo ma ci si sta bene