Avete presente lo sfigato, quello che mentre gli amici sono impegnati in furibonde cavalcate (ehm, passatemi il termine) sta lì a declamare poesie o a spiegare il senso della vita alla tapina di turno?Ovviamente rigirate pure tutto al femminile, non voglio essere accusato di sessismo!Chiaramente al bar deve ordinare qualcosa di coerente al suo status e mi viene in mente, tra le bevande neglette dai veri macho e dalle vere super woman l’orzata. Confesso di aver perso il ricordo del guto considerando quanti anni sono che non la bevo. Mi ricordo sempre i libri per ragazzi, dove alle zie in visita al pomeriggio(tutte zitelle, sarà mica un caso?) venivano serviti gli sciroppi di menta e di orzata. Vengo al dunque: è un prodotto valido? E’ buono davvero? Come lo consigliate?

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 Commenti

  1. se non sbaglio orzata è la denominazione “non terronica” del latte di mandorla…quindi: concordo con sabino! vietato maltrattarla!!!
    caro Professore, di ritorno da un mio recente viaggio in sicilia ho riportato giusto un panetto di pasta di mandorle per fare il latte…vuole assaggiare??
    se la bevanda di per sé non piace…si può sempre tramutare in granita!

  2. macché tritaghiaccio (a parte che se ti serve te ne vendo uno dell’ikea- mai usato!) la granita bona la faccio nel gelataio simac e così viene come quella siciliana!!

  3. lasciar perdere gli sciroppi zuccherosi e appiccicosi
    concentrarsi con dedizione sul puro latte di mandorla, come suggeriscono anche serena e sabino

  4. ma che sei il martin che scrive sul blog di nelli?
    e dove li compri questi panetti?? io al momento ho il mio comprato in sicilia ma mi preoccupo già per quando sarà finito!

  5. @Serena: sì, sono io 🙂
    Li ho comprati a Terra Futura… e sì, sono preoccupato anch’io per quando finiranno!
    Però ho i loro contatti, facciamo un acquisto collettivo e ce li facciamo spedire? 🙂

  6. bello ritrovarsi tutti nei vari blog! io sarei il topo, ma qui mi firmo col mio nome.
    io ancora devo sperimentare il mio panetto ma al gruppo d’acquisto non faccio comunque mancare il mio appoggio!