La verticale di un vino impone al produttore un momento di riflessione. Si ferma, assaggia e capisce il percorso fatto fino a quel momento: se poi decide di rendere pubblica l’esperienza, vuol dire che ne è rimasto soddisfatto.

ANtonio MorettiAntonio Moretti Cuseri ha deciso di festeggiare i 20 anni del suo vino: Oreno, nome che deriva dal fiume che scorre accanto alla Tenuta Setteponti. Potrebbe sembrare un nome di qualche dio greco, diciamo che porta con se’ un’importanza notevole fin dalla sua nascita, un po’ come quando qualcuno chiama un figlio Dante e Michelangeloper augurargli un futuro radioso. La scelta di fare un Supertuscan quando il fenomeno si stava affievolendo non è cosa da poco, il che rende merito di averci creduto e di essere arrivato a vent’anni in splendida forma, trasformandosi nel tempo senza tradirsi nei risultati . Un viaggio che ha portato a tante scelte come il cambio dell’enologo, da Carlo Ferrini a Beppe Caviola, il cambio dell’uvaggio, con il sangiovese che arriva gradualmente a scomparire ( e per me è un grande merito). Riguardo al “Celebration day”, intrigante la scelta di affidare la conduzione della degustazione a Gabriele Gorelli e Luca Gardini, ovvero l’unico Master of Wine italiano ed il comunicatore più in voga al momento.

Luca Gardini Due modi diversi di affrontare il vino e la platea, di scegliere gli argomenti da raccontare. In mezzo però la famiglia Morelli protagonista, con Antonio a ricoprire il ruolo di mattatore insieme ai figli Alberto ed Amedeo: un legame non di facciata,  con dichiarazioni profonde di affetto e condivisioni di ideali, non certo abituali in eventi di questo tipo.

Degustazione Oreno. «Oreno nasce dal desiderio di fare un grande vino, cercando di fare meglio e sempre di più» ha spiegato  Antonio Moretti  «Venivo da una lunga esperienza nel mondo della moda e a un certo punto ho fatto una scelta; quella di dedicare la maggior parte della mia vita alla campagna e di conseguenza alla vite. La mia più grande soddisfazione è stata, in seguito, quella di osservare i miei figli Alberto e Amedeo fare la stessa scelta e lavorare nel vino con me con un obiettivo comune sin dal principio, ossia quello di portare nel mondo del vino stile, attenzione ai dettagli e creatività». All’avvio della degustazione questa la definizione del vino che ha dato Gabriele Gorelli

Gabriele Gorelli«Siate i primi o siate i migliori,. È con questa visione creativa di Antonio Moretti Cuseri che nel 1999 nasce Oreno, spinto dall’onda dei Supertuscan. Poterne degustare e analizzare tutte le annate prodotte offre un panorama sorprendente. Una continua ricerca dell’eccellenza che passa da precisione, equilibrio e fedeltà all’annata. Un metodico ‘fine tuning’ stilistico e qualitativo sempre percettibile ma mai troppo di rottura. Oreno ha saputo trovare la sua identità in una confluenza tra metodo e territorio che oggi lo eleva di diritto allo status di ‘vino ICONA’».

Vino iconico dopo “solo” vent’anni non è traguardo raggiunto da molti, bisogna andare in Francia per trovare un simile risultato probabilmente. Però tutti i riconoscimenti  internazionali ottenuti vanno in quella direzione, perché mettere d’accordo i degustatori sparsi nel mondo non è affar facile.

Luca GardiniIl pensiero di Luca Gardini mi trova indubbiamente d’accordo «La grandezza dell’Oreno è la versatilità e l’adattabilità perché in grado di interpretare al meglio anche le annate più difficili tirando fuori la beva, l’eleganza e l’impronta stilistica di questo vino. Credo che la 2019 sia la migliore annata che Tenuta Sette Ponti abbia mai prodotto; equilibrio, grande intensità, spessore e longevità. Il futuro dell’Oreno lo vedo ancora nell’Olimpo dei grandi vini perché è evidente il lavoro pazzesco che si sta facendo in vigna e che in cantina si è capaci di esaltare e valorizzare con precisione e grande lavoro».

Poi si inizia ad assaggiare: tutte magnum eccetto prima annata

1999

sangiovese 50%, merlot 25%, cabernet sauvignon 25%

“Sangiovese con l’aiutino” è stato definito.Maturità forte, forse in fase calante.Naso piacevole, frutti di bosco, pulito, erbe come menta erba cedrina, anche cenni speziati di ginepro.Fumo, minerale. Tannini succulenti che riempiono la bocca, senza sensazione angolare. Bocca lieve gustosa, invitante, tesa ancora e nervosa 92 GAGLIARDO

2000

sangiovese 50%, merlot 25%, cabernet sauvignon 25%

Granato. Animale cuoio, confettura tipici sentori terziari ma forse è anche la bottiglia?Anche in bocca il tannino è più secco, asciugante acidità evidente ma chiude serrato. Finale non lunghissimo,ma dimostra  nel breve retrogusto note interessanti 88 RIVEDIBILE

2001

sangiovese 50%, merlot 25%, cabernet sauvignon 25%

“Vino convesso quando annata e fresca, concavi quando è matura” rubo una definizione che mi è piaciuta. Torrefatto  caffè, cuoio, anche sensazioni fresche accennate, come alloro, quindi terra. Bocca calda soda corposa tannini sodi acidità bilanciata appena affaticante. Finale medio in lunghezza ma  pulito e caldo 90 VIGOROSO

2003

sangiovese 50%, cabernet sauvignon 50%

Naso dove si uniscono in alternanza sentori di cuoio iniziale , poi peperone, erbaceo, minerale. Bocca calda, serrata,  non rilassato, poco vivace, tannino serrato ed evidente. Finale appena affaticato ma si difende 89 NERVOSO

2004

sangiovese 50%, merlot 25%, cabernet sauvignon 25%

Già la vista è notevole con un rubino di bella intensità.  Naso vegetale, giubbotto di pelle, peperone, carne, anche arachidi, alga, iodato. Bocca solida rilassata, equilibrata, freschezza piacevole, tannini maturi appena stretti ma ben gestiti. Finale godibile e caldo  91 EQUILIBRATO

2005

merlot 40%, cabernet sauvignon 40%, sangiovese 20%

Erbe di macchia mediterranea, vegetale, conchiglia, iodato di mare, frutti neri, liqurizia, elicriso. Bocca di buon peso, maggior cremosità, vitale, ricco, largo, sodo, succoso, Tannino fine.Finale di buona larghezza. Sapido e  persistente 92 RITMATO

Oreno verticale2006

merlot 40%, cabernet sauvignon 40%, sangiovese 20%

Rubino di bella profondità. Naso di peperone, torrefatto, carnoso, vegetale, prugna, frutti, maggiorana. Bocca slegata freschezza che non si lega ad alcol e tannini, non aggressivi ma che non sono in sintonia. Ma la materia è notevole, anche giovane direi Caldo, sodo, puntuto, saporito, soprattutto  lungo 92 CREATIVO

2007

merlot 50%, cabernet sauvignon 30%, sangiovese 20%

Rubino luminoso alla vista. Naso di peperone arrosto, croccante, vivo, vegetale, fruttato accennato di frutti di bosco . Tannino duro deciso , non polimerizzato, bocca pesante, freschezza adeguata, ritorno di liquirizia. Anche salina e appetitosa ma appena faticoso  89 COMPLICATO

2008

merlot 45%, cabernet sauvignon 40%, petit verdot 15%

Bella la vista  naso frutti bosco classico, spezie come pepe e chiodi, poca carne cenni di minerale. Bocca rotonda succosa, morbida, “Tannino adesivo ma gustativo”. Al gusto è godibile, gradevole, e succoso. Finale tranquillo e rilassato. 93 TRANQUILLO

2009

merlot 45%, cabernet sauvignon 40%, petit verdot 15%

Rubino, porpora. Naso animale, pelliccia , carne, poi minerale, carne, sangue. Bocca calda levigata, succosa, intrigante, bel rilassamento, godibile, ritorno di foglia di pomodoro e concentrato. Finale lungo e ben articolato 93 CONVINCENTE

2010

merlot 45%, cabernet sauvignon 40%, petit verdot 15%

Rubino lieve. Naso intenso,da Porto, da Sacher Torte  nel cioccolato, frutti piccoli, cenni dragoncello, anche fresco. Bocca succosa, lieve, delicata, tannini fini e setosi, intriganti, succosi, caldi. Finale lungo , piacevole, rilassato, intenso. Godibile, succoso e caldo 94 INTRIGANTE

2011

merlot 50%, cabernet sauvignon 40%, petit verdot 10%

Probabilmente non al massimo da riassaggiare NV

2012

merlot 50%, cabernet sauvignon 40%, petit verdot 10%

Porpora, deciso all’occhio. Elegante, il bouquet erbe aromatiche come maggiorana e mentuccia quindi  minerale, floreale di viola. Fresco, fine, piacevole all’ingresso in bocca quindi gradevole alla beva, caldo, largo. Finale succoso e appetitoso 93 COINVOLGENTE

2013

merlot 50%, cabernet sauvignon 40%, petit verdot 10%

Porpora, di luminosa visione.  minerale, intenso al naso, frutti di bosco, cenni speziati di ginepro. Bocca calda, larga, retrogusto di ciliegia sotto spirito, succoso . Tannino ricco, appena asciugante, ben articolato  Finale medio 90 VOLENTEROSO

Oreno2014

merlot 50%, cabernet sauvignon 40%, petit verdot 10%

Porpora di bella intensità, Naso lieve, floreale, poco intenso, anche pomodoro, in foglia e concentrato, poi peperone. succoso, gradevole nel complesso. Tannini fini, lineare di gradevole bilanciamento. Finale saporito, caldo e piacevole.  92 SORPRENDENTE

2015

merlot 50%, cabernet sauvignon 40%, petit verdot 10%

Porpora, deciso. Mora, ciliegia all’inizio poi mentolato. Tensione, balsamica, appena cenni di spezia come pepe quindi tocco iodato, alloro, selvatico.  In bocca è succoso, salato, bello vivo, in progressione continua 93 ELEGANTE

2016

merlot 50%, cabernet sauvignon 40%, petit verdot 10%

Porpora. Immediata l naso la pietra, quindi frutti neri come mora: a seguire  menta, eucalipto, alloro, salvia. Frutti rossi a seguire come ribes. Bocca salina, fine, equilibrio raggiunto , densità adeguata, omogeneità ottima, tannino ben distribuito. Finale in bella persistenza continuata 95 APPASSIONANTE

2017

merlot 50%, cabernet sauvignon 40%, petit verdot 10%

Porpora vivo alla vista . Molto  leggero al naso, melagrana, frutti rossi, come lampone e ribes, quindi  pepe rosa, con solo un accenno di tabacco. Bocca  lieve gradevole, poco intenso all’impatto, succoso, caldo, gessoso. Finale caldo e piacevole 91 ACCOMODANTE

2018

merlot 50%, cabernet sauvignon 40%, petit verdot 10%

Porpora. Naso pulitissima, tocco agrumato inaspettato, floreale di lavanda, cenni frutti piccoli come ribes. Bocca salina, viva, fluida, gustosa, bilanciata. Finale lungo e complesso in bella continuità 93 PROMETTENTE

2019

merlot 50%, cabernet sauvignon 40%, petit verdot 10%

Porpora alla vista, luminoso. Minerale, ferro, vegetale di erbe aromatiche come menta, erba cedrina anche rosmarino. Il frutto è nero, come ribes, mirtillo. Bocca succosa, calda, regolare nell’equilibrio, fine dai tannini finissimi. Finale bello e felice. 96 AMMALIANTE

 

 

 

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Nessun commento