Siamo a due passi da piazza del Duomo, in un luogo denominato Piazza dell’olio anche se assomiglia tanto ad una strada:-): Qui si trova uno dei vinai storici fiorentini, di quelli a rischio di estinzione, perché un locale così non sarebbe nemmeno più consentito per le norme vigenti. All’apparenza è una bottega con un banco per la mescita, con dei tavoli fuori, dove è anche possibile sedersi per bere un bicchiere o consumare un panino. Capitando all’ora di pranzo si può invece mangiare dei piatti cucinati, in una delle due salette poste nel sottosuolo, ricavate dalla nuda pietra; ci si accomoda su tavoli comuni, apparecchiati con tovagliette di carta gialla. Il menu è composto da piatti della tradizione: non potevo mancare il lampredotto, accompagnato da salsa verde, gustoso anche il pollo fritto, croccante e saporito. Malgrado sia un vinaio, per i vini bisogna addentrarsi nelle bottiglie poste in bella vista, concentrate soprattutto sui rossi toscani, ma la carta è in rifacimento, come comunica una gentile sommelier. Conviene la sosta anche solo per respirare un po’ di aria del passato. Per un piatto e una bottiglia in due sui 16 euro a testa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 Commenti

  1. Ci sono stato ultimamente dopo anni che non lo frequentavo. Giudizio purtroppo estremamente negativo.L’aria del passato è adesso “finta”. Estrema maleducazione da parte dei camerieri, quasi all’insulto per aver fatto rimandare indietro la pasta che era fredda e con l’invito a non tornare più (non scherzo, detto sul serio). Mi spiace locale da cancellare e da lasciare solo ai “poveri” turisti che cercano l’aria di una Firenze che fu e che non è.

  2. Buono a sapersi. A me non è successo e devo dire che con i turisti l’impressione era comunque positiva. In un lontano passato, mi ero accorto di una certa ruvidezza, tipica di molti bottegai fiorentini, ma l’invito a non tornare più mi sembra francamente di una maleducazione unica. Vediamo se altri hanno avuto esperienze simili
    P.S. Considerando le dimensioni della cucina, la pasta non me la sono sentita di prenderla:-)))

  3. ….un po’ burberi lo sono di fama….ma io ci torno sempre con estremo piacere da ‘i Nuvoli….di solito per un bicchiere al banco accompagnato da tantissimi crostini!!