Alla fine ci sono andato, come promesso. Rispetto al ex “Beccofino”, il ristorante ha un arredamento indubbiamente migliore, più caldo ed accogliente, sembra quasi di essere sul set di un film americano. Grande terrazza esterna, dove tutti vogliono mangiare, io scelgo invece la sala interna. Apro il menu e scopro di essere stato facile profeta: 4 carpacci, una caprese ed una tartare di tonno. La scelta è un po’difficile tra i piatti, poche cose che appassionano. Quando tra gli “Special” fuori carta mi viene proposto un altro carpaccio di pesce crudo mi arrendo e lo ordino: gamberi rossi con speciale salsa giapponese, la stessa che trovo in un carpaccio di branzino. Linguine con le vongole eccellenti e saporite, tenpura di pollo con verdure dimenticabile, scampi al forno non eccelsi, un po’ passati come freschezza. Meglio il semifreddo al croccantino nel finale. Il servizio è cordiale, peccato che, in una carta dei vini ristretta, la bottiglia che scelgo è ovviamente terminata (ma capita sempre a me?). Tra le altre curiosità, bicchieri sbagliati per il vino, piccoli e ordinari, il formaggio grattugiato portato a tavola anche se mangiate pesce, la mancanza di orzo (è difficile da procurarselo, lo so..). Tirando le somme: 50 euro escluso vini, per una serata nella quale l’importante è farsi vedere,  magari vestiti belli griffati. Peccato che la cucina diventi solo un corollario di tutto il resto..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15 Commenti

  1. un pò s’era capito
    ma vogliamo mettere che – se ricordo bene – piatti a meno di 20euro non se ne trovano ?
    se poi sono dimenticabili siamo messi bene sul serio . . . .

  2. Leo scusa ma tu parli sempre di mangiare e bere,di servizio e di conti………… ma f**a c’era?
    A pago o sciolta?

  3. ah ah ah bellissimo il commento di lorenzo guidi!!!!
    del resto, visto che la cucina è risultata insulsa, dopo l’arredamento e le griffes dei clienti, l’unica info mancante è quella sulla presenza delle succitata…
    meravigliosa la richiesta di precisazione….
    sei un genio lorenzo, voglio venire a cena da te!!!

  4. @ Leonardo
    Se con il tuo blog si t****a il 25 ottobre ti fanno presidente e a Degustibooks bruciano nel parcheggio le copie di Ricette immorali!!!!
    FOREVER QUINTO QUARTO!!!!

  5. @leonardo: ma si scherza!!!
    @sabino: hai ragione, ma mi dimentico facilmente di tutto…però si potrebbe fare una cena di gruppo!
    @lorenzo: dalla cena al resto c’è come tra il dire e il fare…però mai dire mai!

  6. Certo, Leonardo, che pure tu te la sei andata a cercare: bastava semplicemente evitarlo ‘sto posto, visto che “era già tutto previsto…” (Cocciante docet).

  7. […] come per andare in discoteca: che qualcuna voglia tentare il colpaccio?). Oppure Prandelli al Nove (non commento), Lapo Elkann da Sanesi a Lastra a Signa, spero per mangiare solo la bistecca, Mutu […]