Una delle difficoltà più grandi nel fare bene le polpette è che non vengono due volte uguali: tutto dipende dagli avanzi di carne che avete, pollo, o manzo, carne lessata oppure arrostita. Una volta tritata accuratamente a mano, sul tagliere, la si mette in una fondina e poi? Possono essere patate lessate e passate, uova, parmigiano, sale, noce moscata, aglio e prezzemolo tritati finissimi, scorza di limone grattugiata. Impasto morbido, passato nel pangrattato, palline non troppo piccole, frittura in olio di oliva. E voi come le fate? Partite anche da carne cruda?

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 Commenti

  1. ho scoperto da poco che qua al nord le polpette vengono fatte con carne riciclata….
    a Palermo, si usa il macinato (chiamato “capuliato”) e la mollica del pane raffermo, bagnato nel latte, pangrattato, prezzemolo, aglio, a volte un po’ di pomodoro concentrato, uovo, caciocavallo o pecorino grattugiato.
    A volte viene aggiunto qualche trito di salume o della carne di maiale.
    Esistono anche in versione “spiedino”, ripassate nel pangrattato, separate da alloro e cipolla nello stesso spiedo.

    La polpetta al nord ha sapore differente e mio cugino, appena rientrato da palermo ha esordito… qui tutto e’ bello, ma le polpette come le fa mia madre…. 😉

  2. Le polpette che preparo di solito sono una versione sferica della tartara, la base è carne cruda di manzo di buona qualità e ogni volta trovo una variante con spezie ed erbe aromatiche. In libano preparano ad esempio delle polpette di carne cruda di agnello, una vera delizia…

  3. Personalmente tendo alle ricette “fast” per mancanza di tempo quindi parto da carne cruda e da pane tenuto a bagno nel latte. Gli altri ingredienti variano a seconda di disponibilità, necessità e sfizio…

  4. A me non capita mai di farle con gli avanzi.
    Quindi parto con carne macinata, specialmente ora aglio fresco,midolla bagnata nel latte,uovo,prezzemolo, pan grattato grana o pacorino.
    Alcune volte della noce moscata o del ginger.
    Poi feccio le classiche palline che il più delle volte non friggo, ma le cuocio in un buon brodo di carne, accompagnate da salse per bollito.