Riflettevo, in questi giorni su come alcui piatti hanno successo, pur partendo da presupposti gastronomici che, alla maggioranza delle persone, non risultano particolarmente graditi. Prendiamo il caso del prosciutto e melone, l’antipasto per antonomasia dell’estate: lo si trova dalla pizzeria al ristorante di alto livello, all’estero rappresenta una delle portate “di lusso”, anche dai cugini francesi, tanto per intendersi. Eppure, se parliamo in generale con le persone, il legame frutta salato non è che immediatamente trovi accessi sostenitori. Sì, è vero che oggi si trovano sempre più insalate preparate con le mele, che in Sicilia le arance sono servite come antipasto condite con sale ed olio, che tra poco il salame toscano sarà accompagnato dai fichi, ma riguardano sempre lodevoli eccezioni. Mi sono dunque divertito a capire quali possono essere nuovi abbinamenti adatti a questo periodo, ma che, in alcuni casi, possono essere proseguiti nel corso dell’anno: i risultati sono stati eccellenti, con tanto di test di assaggio fatti con un pubblico “normale”, che alla fine si è stupito in positivo. Se volete dunque provare nuovi matrimoni vi consiglio: stracchino e albicocche, ciliege e pecorino, fragole e robiola, speck e avocado, salame e pesche noci, salmone affumicato e arance, acciughe sott’olio e cocomero. Increduli? Provateli prima in casa ma poi, per una cena estiva, potete stupire gli amici in maniera divertente ma saporita. Ma non è finita qui: altre relazioni pericolose faranno capolino prima dell’estate. Buon divertimento! Credits mallanti.blogspot.com

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento

  1. Grazie per gli accostamenti li provero’ nel mio ristorante, interessanti
    Confidando in una fitura collaborazione porgo distinti saluti
    Executive chef Alberto Colacchio