Un luogo che ha fatto storia, soprattutto per gli studenti che non avevano tanti soldi da spendere per andare a mangiare fuori. Siamo in piazza Tasso, dove inizia il quartiere popolare di San Frediano: una stanza d’ingresso, arredata con tanti tavolini da due, e poi fiaschi e bottiglie(vecchi e polverosi entrambi) alle pareti. Sul fondo, il bancone e dietro la cucina. DI fatto, pochi cambiamenti rispetto alla precedente gestione, ma l’atmosfera cambia..e non poco. I piatti sono quelli della tradizione, compreso il lampredotto e la francesina, ma l’aggiunta di tagliata di manzo e tagliata d’anatra stride con la storia e la tradizione. I vini è meglio non sceglierli, la carta è ristretta, ricarichi assurdi, meglio accontentarsi dello sfuso della casa a calo. Insalata di fagioli e gamberi per iniziare, anche calda, ma con i gusci lasciati in mezzo ai legumi. Piacevole il gusto, un po’lunga l’attesa. Lo sformato di asparagi è un po’fuori stagione, ma gli asparagi freschi si trovano al mercato(provenienti non so da dove):sufficiente, con verdure accompagnatorie croccanti bilanciate. Eccellente il rognone trifolato con i ceci. Il giudizio rimane positivo, la spesanon troppo sbilanciata se state tranquilli con il vino: il rischio è che si trasformi in una trattoria qualunque, manca di atmosfera, mancava di fiorentini quando ci sono entrato..spero solo sia un caso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

5 Commenti

  1. Non sapendo cosa era la francesina l’ho googlata e sono arrivato ad una ricetta in inglese che prevede l’aggiunta di pomodori all’ultimo. Siccome la ricetta mi ricorda molto il “recuperato” che preparava mia nonna (a Roma) ma senza i pomodori, volevo chiedere: ci vanno sempre o no nella ricetta fiorentina ?