Come è possibile, mi chiedo, godere mangiando simili cilindretti di zucchero, a volte colorato, che si attaccano ai denti, rendendo la bocca incollata? Quale pensiero recondito è passato per la testa al disgraziato che ha pensato di renderli più buoni facendoli cuocere anche sul barbecue(sigh!) oppure utilizzandoli quale base per i dolci?Perchè bisogna inserire dello zucchero così inutile nel corpo e poi disperarsi su si ingrassa? Ottima punizione per i malcapitati, almeno scegliete una maniera più gaudiente di mettere su qualche chilo!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10 Commenti

  1. Io con i Marsh Mallow mi ci drogo e comunque non si mangiano solo cotti sul fuoco: io al cinema ne gusto etti ed etti, magari insieme agli M&M’S. Dentro dentro il CheeseCake poi sono un orgasmo da girone dantesco dei golosi.

    Ma non ditelo in giro: potrebbe arrivare a mia suocera, slowfood fondamentalista o alla mia compagna, biologa nutrizionista. ;-)))

  2. Solo un ricordo nostalgico: chi ha circa la mia età e leggeva il mensile Linus, non potrà dimenticare che il traduttore delle strisce dei Peanuts rese la parola marshmallow con il poetico “toffolette”.

  3. Ad un campo estivo tra le montagne del New Jersey vidi decine di splendide ragazzotte che se ne cuocevano a chili sul barbecue, facendomi pensare, maligna e invidiosa, che presto le loro cosce atletiche e sode si sarebbero trasformate in salsicciotti bitorzoluti, a forza di marshmallow… E infatti le quarantenni americane sono tutte oversize…tiè!

  4. ma dai, non sono mica roba italiana. I miei figli (mezzi inglesi) li mangiano in tutti i modi, ma mica tutti i giorni! Quello è un cosidetto “treat”, uno sfizietto, una volta a settimana (e nessuno di loro è sovrapeso).
    Si mangiano sciolti nel latte caldo, infatti in una catena di caffe’ (mi pare Costa), preparano il “babycino”, una sorta di cappucino senza caffe’ con un marshmallow affogato.
    E poi anche arrostiti, certo. Li’ i bimbi si sentono un po’ pionieri 🙂

  5. Premesso che non li mangio mai… dubito che siano “loro” la causa della crescente obesita’ infantile.
    Patatine, Kebab, merendine & C. siano assai maggiormente indiziati…

    Stefano.

  6. Beh. Io ho letto che grassi non ne hanno. E poi qualche sfizio ci sta. Premetto di pesare 65 kg e quando ero più piccola mi riempivo di schifezze.