Visto che a tavola non bisogna mai stupirsi ecco che si scopre come a Taiwan si paga al ristorante per mangiare carta. Siamo abituati all’idea che paese che vai e usanza  che trovi, e che cibi considerati immangiabili nella nostra tradizione siano prelibatezze da altri: l’esempio dei cani e dei serpenti cinesi è solo uno, basta poi aggiungere le cavallette, ma mettiamoci pure il nostro panino con la milza a Palermo, quello con il lampredotto a Firenze e, perchè no, un semplice coniglio all’ischitana. Dove si fermerebbe la vostra curiosità alimentare? Quale cibo non riuscireste proprio a mettere in bocca?Non i dite le frattaglie che in questo blog non è ammesso:-))!

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti

  1. Una volta, da bambino, durante una gita di pesca con mio padre, trovammo i panini nello zaino pieni di formiche. Cominciai a toglierle ma poi “più che l’onor potè il digiuno”, e iniziai a mangiare pane, prosciutto e formiche. Devo dire che non fu una esperienza poi così brutta, mangio volentieri le chiocciole e le rane fritte, ma le cavallette e le larve arrostite le lascio volentieri ad altri.