Mi viene in mente una vignette di Beetle Bailey , quando il cuoco della caserma, al momento di mangiare, va nella caffetteria che si trova di fronte, meditando sui complimenti che ha ricevuto dai soldati su alcuni piatti: “Se un giorno dovessi mangiare quello che cucino, dovrei assolutamente assaggiare le polpette”!Mi viene in mente dopo che ho fatto il giudice al concorso del miglior cuoco emergente del Centro Italia, organizzato da Luigi Cremona e Lorenza Vitali, all’interno di Medoliva di Arezzo e dopo altre espeirenza gastronomiche poco felici. La domanda è : i cuochi assaggiano quello che mangiano? Sanno cosa stanno proponendo nel piatto?Possibile che i piatti arrivino in tavola poveri o troppo ricchi di sale? E voi, assaggiate quando cucinate?

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

7 Commenti

  1. Se è una ricetta provata, passata su excel, misurata e meditata non c’è bisogno di assaggio, mentre se è una variante di una ricetta o una cosa nuova la assaggio si.

    Alle domande di Romanelli si può rispondere solo in un modo:
    che quando capita un piatto troppo salato o troppo sciapo significa che non si è eseguito alla lettera la ricetta. Tutto qua. Poi ci possono essere le varianti, le variabili o quant’altro ma presentare un piatto salato o sciapo è sintomo che il cuoco ha altri pensieri per la testa.

  2. assaggiare secondo me da quella sicurezza e quella soddisfazione che chi non assaggia non avrà mai… insomma, vogliamo sapere o no quello che facciamo mangiare agli altri?!

  3. I cuochi assaggiano sempre, senza alcuna remora e senza la storia della ricetta pesata perche’ ogni ingrediente non e’ mai lo stesso ingrediente e ogni momento di lavoro non e’ mai lo stesso momento. Per dirla con un pensiero di Eraclito: “non ci si bagna mai due volte nello stesso fiume”

  4. assaggiare sempre!
    evidentemente non tutti lo fanno, come capita quando ti trovi un piatto di spaghetti super-salato (e parlo di recente esperienza al ristorante)
    🙂

  5. lo assaggiano anche con un dito nella pentola e poi lo portano alla bocca e poi vanno in un altra pentola e non riconoscono un brodo troppo salato