Averlo conosciuto in tempi non sospetti fa capire come il successo non abbia scalfito lo stupendo carattere di questo ex pescatore,cuoco, patron di un locale che merita visitare, per chi passa dalle parti della costa labronica. Ora qualche cartello indicatore è stato posto, ma la sera non è mai facile arrivare a questa “baracca” (come la chiama lui) sulla spiaggia, dove a pranzo si ha una vista sul mare davvero prestigiosa. Luciano Zazzeri si è mantenuto decisamente con i piedi per terra, riuscendo ad avere un rapporto ottimale con tutta la clientela che risulta estremamente variegata, transitando dal giovane tatuato all’attore di turno, senza scordare i produttori di vino che si fermano volentieri. Classico locale di pesce dove conviene lasciar fare al proprietario: si inizia con un’acciuga marinata, semplice ma espressiva, per poi passare ad un crudo che comorende un calamaro di Piombino(specifica del cameriere) a julienne con limone,sgombro, dentice e gamberi, con aggiunta di gamberi scottati appena arrivati. A seguire, spiedini di calamaretti e carciofi, profumatissimi e linguine con gli stessi molluschi aglio e salvia, al dente e bilanciate al gusto. Di secondo: filetto di triglia insieme alla seppia e il suo nero , piatto ardimentoso e coraggioso , da scegliere se si ma il gusto dolciastro dell’inchiostro ed il “bollito misto”, varietà diverse accompagnata a maionese all’olio extravergine , potente ma convincente. Da bere: Pol Roger 1999 e Bruno Paillard 1995.Servizio agile e rilassato. In definitiva, è la cucina di pesce che riesce a far star bene il maggior numero di persone..Un sano consiglio: prendetevi un giorno e veniteci a pranzo durante la settimana, in questo periodo primaverile, prima che inizi la confusione estiva. Sui 70 euro, potendo poi scegliere vini n una carta dai ricarichi onesti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti

  1. Si conferma ancora. Cena, ieri sera.
    Ambienta piacevole, bella vista sul mare.
    Stupendo assaggio di fritto di pesce sciabola, delicati straccetti alla triglia e un trionfo di catalana di crostacei.