Tutte le volte che accendo la televisione o leggo i giornali mi viene naturale pensare alla schizofrenia ricorrente che pervade l’ambiente quando si tocca il settore enogastronomico. Non esiste giornale nel quale non si citino i nomi di Cavalli, Armani, Versace con frequenza impressionante. La Fiat viene ricordata quasi quotidianamente. Non parliamo dei cantanti che promuovono i loro dischi in televisione, gli scrittori i libri, gli attori le loro tournée teatrali. E il vino? Guai a far vedere un’etichetta, mai parlare di un produttore ricordando il cognome o il nome dell’azienda. Scrivere un articolo su un ristorante è operazione difficile nei giornali di provincia:si ritiene infatti che sia tuttà pubblicità che rischia così di essere persa. E allora, spiegatemi, il resto cosa è? E non tiriamo fuori, per favore, la cultura..

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 Commenti

  1. Invece é proprio cultura: assenza totale della stessa. Anche io tante volte mi sono domandato ma perché – anche nei programmi gastronomici linea verde azzurra e rossa celano le etichette ? non sarebbe meglio che le facessero vedere, dicessero di chi é il vino che stanno servendo, con buona pace di tutti ? e la prossima volta ne presenteranno un altro? E´assurdo: il vino con nome e cognome é assente dai media dell’ Italia, il primo o secondo produttore al mondo !!….Che si puo´fare per far invertire la rotta alle televisioni ed ai giornali ?

  2. Beh..questa è la tendenza di tutti..anche nei programmi che parlano di cucina o ristorazione…
    o anche cazzate tipo la prova del cuoco della clerici quando parlano di vino negli abbinamenti…ti dicono vermentino,bolgheri,franciacorta,chianti etc etc..che cavolo me ne frega del vitigno e del tipo di vino se è fruttato o no etc etc etc…mi fai i commenti tipo degustazione …ma dimmi almeno il nome del produttore e il nome del vino…sembra che per loro…ogni vino è uguale ad un’altro dello stesso tipo.

    L’unico che forse ne parla senza pudori e il Vespone nazionale quando ogni anno incensa i vari ristoranti che ricevono da lui la comunicazione se gli hanno dato o no la stelletta di michelino in diretta mondovisione!!!