La festa del papà si avvicina e, una volta, era il giorno delle frittelle di riso: Mia madre, che non fa mai dolci, quel giorno si svegliava presto per far trovare le frittelle per colazione. Io le faccio secondo una ricetta tradizionalissima, anche se poi, a scuola, le insegnavo più raffinate, con la crema pasticcera nell’impasto. E voi? Quale ricetta proponete?

Categories:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Un commento

  1. Bella domanda! Si dovesse seguire la ricetta del vecchio Cucchiaio d’Argento del 1960 potrei dire che ogni boccone è pieno di olio. L’Artusi mette insieme pasta lievitata la riso. C’è la teoria di cuocere il riso nel latte senza lo zucchero dentro per evitare di far
    assorbire all’impasto una grande parte di olio.
    Lo zucchero si bilanciava fuori con quello semolato a grana anche piuttosto grossa.
    Sinceramente ancora mi devo rimettere a provare a farle. Senza tanta farina. Meglio uova e riso con sapore di vaniglia. Buona festa del papà!